Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

#EYCAPRI

#EYCAPRI Madia: “PA digitale, non si torna indietro”

Il ministro della PA: “Digitalizzazione prioritaria per il Paese. Prossimo governo prosegua strategia”. Capitolo e-fattura: “Gestite finora 70 milioni di fatturazioni elettroniche”

05 Ott 2017

A.S.

“Il grande lavoro messo in cantiere continui anche con il prossimo governo. Si tratta di temi che appartengono al Paese, quindi i progetti dovranno essere proseguiti”. Lo ha detto Marianna Madia, ministro della Pa, dall’EY Capri digital summit, riferendosi al piano per la digitalizzazione della Pubblica amministrazione varato dal Governo Renzi e portato avanti in questi mesi anche dall’esecutivo guidato da Paolo Gentiloni. “La digitalizzazione della PA rende l’amministrazione più trasparente e semplice – prosegue il ministro – è un mezzo anche per limitare la corruzione e le rendite di potere, perché è nella complessità che si annida ciò che non va”.

Poi Madia si è soffermata sull’andamento della e-fattura, una delle principali novità introdotte dalla riforma: “Sono state gestite 70 milioni di fatturazioni elettroniche ed è la precondizione necessaria per affrontare quel grande problema dello stock dei debiti della PA – ha sottolineato – perché prima non si sapeva neanche quali fossero questi debiti, adesso siamo in grado di saperlo”. “La corruzione è un cancro che nel Paese ha rallentato tutta l’economia – ha proseguito il ministro – la digitalizzazione della PA dà invece la possibilità di avere un’amministrazione più trasparente e più semplice. E’ nella complicazione – ha ribadito – che si annida l’opacità. Abbiamo impresso molta energia per fare tante cose tutte insieme e in ognuno dei cantieri che abbiamo avviato il Paese ha fatto dei passi avanti. Sono contenta di questo”.

Infine un passaggio dedicato al piano per la banda ultralarga: “Così come in alcuni progetti che ho seguito come la digitalizzazione dell’anagrafe della popolazione residente – ha detto Madia – ci possono essere dei ritardi, ma il punto è che c’è una visione e dei progetti”. Occorre, ha quindi proseguito, “continuare sull’attuazione del piano Bul avviata dal governo Renzi, auspico che si prosegua con l’attuazione”.

Articolo 1 di 5