Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

REGOLAMENTAZIONE

Martusciello: “Più collaborazione tra istituzioni a tutela dei cittadini”

Il Commissario Agcom: “Lo scambio tra elementi dello Stato porta a una maggiore efficienza delle singole strutture amministrative”. Best practice l’accordo quadro sulle funzioni delegate ai Corecom in quanto “pone le basi per una regolamentazione omogenea del settore allo scopo di raggiungere sull’intero territorio nazionale un’uniformità di garanzie e tutele”

14 Mar 2018

Più semplicità nella relazione cittadini-amministrazione pubblica. E’ il tema su cui ha acceso i riflettori il commissario Agcom Antonio Martusciello intervenendo all’incontro organizzato in occasione della sottoscrizione del Protocollo d’Intesa tra Consiglio e Giunta regionale del Piemonte per la gestione integrata di servizi al cittadino. “È necessario – ha detto il commissario – continuare nel processo di implementazione degli attuali modelli virtuosi di collaborazione fra le istituzioni, tenendo sempre ben presente come obiettivo primario la tutela del cittadino”. E questo anche in considerazione del fatto che gli utenti manifestano una crescente esigenza “di limitare la frammentazione dei servizi: serve ampliare da un lato i punti di accesso alla tutela, e ridurre dall’altro la complessità nella relazione con l’amministrazione pubblica”.

Nel manifestare il proprio apprezzamento per l’iniziativa, Martusciello ha rilevato quanto la propensione alla collaborazione e allo scambio tra istituzioni porti anche a “una maggiore efficienza delle singole strutture amministrative”.

A riprova di questa sinergia tra le istituzioni, Martusciello ha ricordato il recente Accordo Quadro, concernente l’esercizio delle funzioni delegate ai Corecom che ha visto l’impegno dell’Autorità, della Conferenza delle Regioni e delle Province Autonome e della Conferenza dei Presidenti delle Assemblee Legislative delle Regioni e delle Province Autonome.  “L’intento ultimo dell’accordo – ha ricordato Martusciello – è di porre le basi per una regolamentazione omogenea del settore allo scopo di raggiungere sull’intero territorio nazionale un’uniformità di garanzie e tutele”.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Approfondimenti

A
agcom
M
martusciello

Articolo 1 di 5