Nasce a Roma la prima srl online: Italia all'avanguardia in Europa - CorCom

DIGITAL TRANSFORMATION

Nasce a Roma la prima srl online: Italia all’avanguardia in Europa

Attiva la piattaforma del Consiglio nazionale del notariato: primo atto in uno studio della Capitale, con i clienti collegati via web. Il nostro Paese in pole position nel recepimento della Direttiva Ue che prevede la nuova modalità per garantire sicurezza e affidabilità

15 Dic 2021

Veronica Balocco

E’ ufficialmente nata la prima srl online secondo la nuova procedura stabilita dalla direttiva Ue 2019/1151. La procedura di costituzione ha avuto luogo stamane nello studio di un notaio di Roma, con un cliente collegato da Roma e un altro da Bologna. E’ stata così di fatto inaugurata l’attività della neonata Piattaforma del notariato italiano (Pni), predisposta e gestita dal Consiglio nazionale del notariato, in base alla normativa entrata in vigore ieri in Italia. 

L’Italia rappresenta uno dei primi paesi in Europa a recepire la Direttiva 2019/1151 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 20 giugno 2019 per la costituzione delle srl in modalità digitale, con un procedimento che si svolge interamente online sotto il controllo del notaio.

“Siamo orgogliosi di essere tra i primi notariati in Europa a stipulare una srl online, se pensiamo che Paesi come la Germania, pur avendo recepito la Direttiva Eu con la nostra stessa procedura, saranno operativi solo a metà 2022”, commenta Valentina Rubertelli, presidente del Consiglio nazionale del notariato. “Ad oggi sull’intero territorio nazionale sono circa 2000 i notai che hanno fatto formazione, ma siamo certi che nel tempo l’intera categoria sarà attrezzata per offrire questo tipo di strumento alla collettività”.

La procedura

Per poter costituire una società con la procedura interamente online è necessario che la costituenda società abbia sede in Italia e che i conferimenti siano eseguiti in denaro, mediante bonifico bancario a favore del conto corrente dedicato del notaio, tenuto ai sensi dell’art. 1, comma 63, L. 27 dicembre 2013, n. 147. L’atto può essere sottoscritto con firma digitale o altro tipo di firma elettronica qualificata. Per consentire questa modalità di sottoscrizione dell’atto il notaio può, attraverso la piattaforma, rilasciare alle parti che ne siano sprovviste una firma elettronica idonea.

WEBINAR
27 Gennaio 2022 - 12:00
Space Economy: fondi, opportunità e trend tech per PMI e start up
CIO
Digital Transformation

La procedura è stata pensata per garantire sicurezza e affidabilità, come avviene per la conclusione di un qualsiasi altro atto notarile. Durante il procedimento e attraverso la piattaforma, il notaio – oltre a svolgere il consueto controllo di legalità dell’atto e l’attività di consulenza giuridica specializzata – verifica e attesta l’identità delle parti, nonché la validità dei certificati di firma utilizzati, il tutto anche attraverso mezzi di identificazione elettronica dotati di un elevato standard di garanzia. La piattaforma assicura inoltre il collegamento continuo delle parti in videoconferenza, la visualizzazione dell’atto da sottoscrivere, la conservazione dell’atto una volta che esso è stato stipulato e il tracciamento di ogni attività. 

 

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 5