AGENDA DIGITALE

Open data, il Friuli approva la legge regionale

Via al provvedimento che regola l’utilizzo dei dati aperti nella PA: la Regione si impegna a rendere riutilizzabili i documenti contenenti informazioni pubbliche

09 Apr 2014

F.Me.

Il Friuli Venezia Giulia approva la legge sugli open data. Si prevede che la Regione assicuri la disponibilità, la gestione, l’accesso, la trasmissione, la conservazione, la fruibilità e la riutilizzabilità dei documenti contenenti dati pubblici di cui è titolare, anche al fine di promuovere la trasparenza, l’efficienza, l’economicità, l’imparzialità e la semplificazione dell’attività amministrativa.

Inoltre l’ente riconosce ad ogni cittadino il diritto di accedere, mediante sistemi informatici, in condizioni di eguaglianza, alle informazioni e ai servizi online forniti dalla Regione.

Viene garantita la diffusione dei dati strutturati in formati aperti e liberamente accessibili a tutti (open data) “al fine di contribuire allo sviluppo delle imprese innovative – si legge nel provvedimento – incentivare e massimizzare la partecipazione dei cittadini, delle imprese, delle fondazioni e delle associazioni ai processi decisionali della pubblica amministrazione e a favorire la crescita economica attraverso il riuso di tali dati”.

EVENTO - 2 NOVEMBRE 09:30
Cambiare la Pa per cambiare il paese
PA

La Regione renderà riutilizzabili dati e documenti contenenti dati pubblici, in base a modalità che ne assicurino l’accesso automatizzato, generale e diffuso a condizioni eque, adeguate e non discriminatorie.

Infine – ma non importante – l’ente favorirà il pluralismo informatico anche mediante l’eliminazione delle barriere dovute all’utilizzo di formati digitali non aperti per dati e documenti contenenti dati pubblici.

Argomenti trattati

Approfondimenti

F
friuli venezia giulia
O
opne data