INNOVAZIONE

PA digitale 2026, ecco la piattaforma per accedere ai fondi del Pnrr

Il sistema consente alle amministrazioni di richiedere i voucher, rendicontare l’avanzamento dei progetti e ricevere assistenza. Ad aprile i primi avvisi pubblici destinati agli enti locali. Il ministro Colao: “Abbiamo strutturato un metodo di lavoro agile, rapido e condiviso”

31 Mar 2022

F. Me

digitale-information-technology-IT

Debutta PA digitale 2026. Il ministro per l’innovazione tecnologica e la transizione digitale Vittorio Colao ha illustrato in Conferenza Unificata il progetto nell’ambito del Pnrr.

Nello specifico è stata annunciata la partenza degli avvisi per le pubbliche amministrazioni locali a partire dal 4 aprile attraverso la piattaforma PA digitale 2026. Il sistema consente alle amministrazioni di richiedere i fondi del Pnrr dedicati alla transizione digitale, rendicontare l’avanzamento dei progetti e ricevere assistenza.

Nel corso del prossimo mese partiranno i primi avvisi dedicati alla digitalizzazione della PA: dalla migrazione al cloud a modelli collaudati per l’implementazione di servizi pubblici digitali, passando per il consolidamento dell’identità digitale (Spid/Cie), fino al sistema di pagamento pagoPA e dell’app IO.

I fondi sono dedicati a 22.353 PA su tutto il territorio nazionale e saranno assegnati in ordine di prenotazione con l’erogazione in modalità voucher. Non sarà più necessario infatti presentare progetti, ma ogni PA in base a tipologia, dimensione e necessità riceverà un finanziamento predefinito.

Il processo è stato realizzato attraverso l’interazione costante con Anci, Upi e Regioni.

“Per permettere una rapida implementazione del Pnrr, in meno di un anno abbiamo costruito una piattaforma online unica per dare la possibilità a tutti i comuni di scegliere le iniziative di digitalizzazione dei servizi per ognuno prioritarie, in maniera però omogenea in tutto il Paese – ha spiegato Colao – Grazie anche al contributo di Anci stiamo realizzando un metodo di lavoro più agile, rapido e condiviso, che possa divenire il metodo per accelerare gli investimenti della Pubblica Amministrazione italiana”.

Già da ora sulla piattaforma PA digitale 2026 è possibile registrarsi per ricevere tutti gli aggiornamenti ed essere notificati all’apertura degli avvisi.

Come registrarsi al PA digitale 2026

PA digitale 2026 è la piattaforma che consentirà alle amministrazioni di richiedere i fondi del PNRR dedicati alla transizione digitale, rendicontare l’avanzamento dei progetti e ricevere assistenza.

Con l’apertura dei primi avvisi pubblici in primavera, da PA digitale 2026 le amministrazioni potranno accedere a un’area riservata da cui sarà possibile candidarsi alle varie misure economiche.

Cosa serve per registrarsi alla piattaforma, candidare il proprio ente e nelle fasi successive? Vediamolo di seguito, passo passo.

Come registrarsi alla piattaforma: identità digitale e dati IPA

Per partecipare agli avvisi sarà necessario che il rappresentante legale di una PA presente su Ipa (Indice dei domici digitali della Pubblica Amministrazione), o una persona da lui incaricata, avvii la procedura di registrazione dell’amministrazione su PA digitale 2026.

Il processo di registrazione della PA prevede quattro passaggi:

  1. Accedere tramite identità digitale – Il rappresentante legale dell’amministrazione, o una persona da lui incaricata, dovrà accedere tramite identità digitale Spid o Cie alla piattaforma.
  2. Selezionare l’amministrazione – Fatto l’accesso, verrà richiesto di inserire una mail istituzionale e di selezionare da una lista la propria amministrazione mediante il nome dell’ente o il codice Ipa di riferimento.
  3. Verificare i dati dell’amministrazione su Ipa – A questo punto verranno caricate automaticamente dalla banca dati Ipa alcune informazioni sull’amministrazione, tra cui il nome del responsabile legale della PA e gli indirizzi Ped di riferimento. Se i dati caricati automaticamente non dovessero essere corretti, sarà necessario aggiornarli su Ipa.
  4. Confermare la registrazione – Una volta selezionato l’indirizzo Pec più appropriato a ricevere le comunicazioni dalla piattaforma, bisognerà confermare la registrazione dell’ente e del suo rappresentante legale mediante il link di verifica ricevuto via Pec, che rimarrà attivo per sette giorni.

Come partecipare agli avvisi

Dopo aver completato la registrazione alla piattaforma, ogni rappresentante legale, o un suo delegato, potrà invitare fino a un massimo di tre utenti.

Gli utenti, anche esterni, potranno supportare il rappresentante legale nella compilazione delle informazioni e dei processi inerenti agli avvisi. Potranno quindi avviare una candidatura, modificare le informazioni inserite e inviare la documentazione finale firmata dal rappresentante legale.

È importante evidenziare che sarà possibile ricoprire il ruolo di utente anche per più amministrazioni contemporaneamente, un’eventualità resa necessaria per facilitare il lavoro delle diverse forme aggregative degli enti presenti sul territorio nazionale.

Nonostante più persone potranno contribuire alla compilazione delle informazioni per aderire agli avvisi, per essere valide le candidature dovranno essere firmate digitalmente unicamente dal rappresentante legale dell’ente.

Ogni rappresentante legale infatti dovrà assicurarsi di avere una firma digitale. Senza firma digitale, non sarà possibile completare l’iter di candidatura alle diverse misure economiche.

Per ricevere l’assegnazione formale del finanziamento, successivamente all’accettazione della candidatura, sarà necessario richiedere un Codice unico di progetto (Cup). Il Cup è lo strumento cardine per il funzionamento del Sistema di Monitoraggio degli Investimenti Pubblici (Mip). Richiedere un Cup è obbligatorio per tutte le iniziative realizzate utilizzando risorse provenienti da bilanci di enti pubblici o di società partecipate, direttamente o indirettamente.

Le amministrazioni saranno guidate sulla piattaforma ad hoc gestita dal Dipe (Dipartimento per la programmazione ed il coordinamento della politica economica) in cui, attraverso la compilazione di un form guidato, sarà possibile richiedere il Cup. Sarà quindi necessario essere in possesso di un’utenza del sistema Cup/Mip per poter procedere.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Personaggi

V
vittorio colao

Aziende

A
anci
U
upi

Approfondimenti

A
app IO
C
cie
P
pa digitale
P
Pnrr
S
SPID

Articolo 1 di 3