LA PIATTAFORMA

PA digitale, online la banca dati dei pareri: ecco a cosa serve

Oltre 400 documenti disponibili: lo strumento consente di verificare l’evoluzione normativa e gli orientamenti del Dipartimento della funzione pubblica su pubblico impiego, organizzazione amministrativa e gestione del personale. Il ministro Zangrillo: “Un altro passo in avanti, per una PA moderna e in grado di offrire servizi sempre più efficienti”

Pubblicato il 30 Dic 2022

Enzo Lima

giornalista

bancadatipareri

Oltre 400 documenti fra direttive, pareri e note circolari in materia di trattamento giuridico, economico e previdenziale del personale e della dirigenza pubblica. È online la Banca dati dei pareri – all’interno del portale Lavoropubblico.gov.it -, lo strumento ideato per consentire di monitorare l’evoluzione normativa e gli orientamenti del Dipartimento della funzione pubblica riguardanti il pubblico impiego, l’organizzazione amministrativa e la gestione del personale della PA.

Spinta alla digital transformation della PA

“La trasformazione digitale è la prima grande sfida che la Pa deve affrontare, un processo che prevede profondi cambiamenti nelle strutture, nelle procedure e nei servizi – commenta il ministro per la Pubblica amministrazione, Paolo Zangrillo -. La Banca Dati dei Pareri è uno strumento utile alle amministrazioni, ai dipendenti pubblici e agli operatori del sistema giuridico per una omogenea e corretta applicazione degli istituti che presentano difficoltà interpretative. Un altro passo in avanti, per una Pa moderna e in grado di offrire servizi sempre più efficienti”.

WHITEPAPER
Gestione documentale e firma digitale: abilita un processo full digital sicuro
Dematerializzazione
Digital Transformation

Cosa si può fare con la nuova Banca dati

L’obiettivo della Banca Dati dei Pareri è duplice: per le amministrazioni e i dipendenti pubblici quello di rafforzare la capacità istituzionale e accrescere la consapevolezza sugli istituti del pubblico impiego; per il Dipartimento quello di svolgere analisi su questioni interpretative riguardanti l’organizzazione amministrativa e la gestione del personale pubblico e di monitorare l’applicazione dei provvedimenti normativi per definire percorsi di capacity building.

Lo strumento va nella direzione dell’innovazione digitale della Pubblica Amministrazione. L’accesso all’archivio digitale da un unico punto permette di avere una panoramica sull’evoluzione normativa in materia di organizzazione e disciplina del lavoro pubblico, attraverso la raccolta sistematica dei pareri già rilasciati e pubblicati dal Dipartimento della funzione pubblica.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Valuta questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Argomenti trattati

Personaggi

P
paolo zangrillo

Approfondimenti

D
Digital transformation
P
pa digitale

Articolo 1 di 4