Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

PA, pronto il vademecum per il restyling dei siti Web

Palazzo Vidoni pubblica la versione definitiva delle nuove linee guida. Brunetta punta a ridurre il numero dei portali pubblici e ad accelerare la migrazione verso il dominio “.gov.it”

26 Lug 2010

Razionalizzare ed innovare. Sono questi i principi ispiratori delle
linee
guida per per i siti web delle pubbliche amministrazioni che il
ministero della PA e Innovazione ha messo oggi online nelle
versione finale, a termine della consultazione online, inziata lo
scorso aprile e a cui hanno partecipato circa 17mila utenti, tra
aziende, PA e cittadini. Il nuovo testo tiene dunque conto dei
rilievi fatti emergere dai partecipanti. 

L'obiettivo delle linee è quello "di suggerire criteri e
strumenti utili alla razionalizzazione dei contenuti online,
riducendo al tempo stesso il numero dei siti web pubblici ormai
obsoleti – spiegano da Palazzo Vidoni -. Tra gli obiettivi di una
PA di qualità vi è infatti anche l'esigenza di fornire
tramite web informazioni corrette, puntuali e sempre aggiornate
nonché di erogare servizi sempre più fruibili a cittadini e
imprese"

Il documento illustra i principi criteri generali per accompagnare
le pubbliche amministrazioni nell'attuazione degli indirizzi
contenuti nella Direttiva Brunetta n. 8 del 2009 (descrivendo gli
interventi da realizzare ai fini del miglioramento della qualità
del web) e definisce le modalità e i passi necessari per
l'iscrizione al dominio ".gov.it" (che garantisce la
natura pubblica dell'informazione e l'appartenenza di un
sito a una pubblica amministrazione).

Vengono inoltre affrontati possibili percorsi operativi e le
relative azioni che una pubblica amministrazione può intraprendere
nel caso in cui gli interventi riguardino, ad esempio, la riduzione
dei siti web e la razionalizzazione dei contenuti online. Una
particolare attenzione è stata prestata nella definizione di una
mappa di contenuti minimi che per legge i siti web istituzionali
devono includere, di fatto semplificando il rispetto dei diversi
adempimenti vigenti.

Oltre a un inquadramento generale sui criteri e sugli strumenti per
il trattamento dei dati e della documentazione pubblica, le linee
guida forniscono i principi generali per le pubbliche
amministrazioni che vorranno confrontarsi su temi innovativi quali
la customer satisfaction, le rilevazioni di qualità attraverso il
benchmark tra amministrazioni, il confronto e l'interazione dei
cittadini. Completano il documento una serie di approfondite
appendici tecniche.

Secondo quanto previsto dalla Direttiva Brunetta n. 8/2009 le
regole saranno aggiornate con cadenza almeno annuale e corredate da
vademecum di approfondimento. "In questo modo forniranno con
continuità alle pubbliche amministrazioni i criteri guida sulle
modalità di razionalizzazione, dismissione, gestione, sviluppo e
diffusione dei loro siti web, tenendo anche conto degli avanzamenti
e dei progressi tecnico-normativi in materia". precisa il
ministero.

Il documento è stato elaborato inda un gruppo di lavoro interno al
ministero, composto da esperti del Dipartimento della Funzione
Pubblica, del Dipartimento Digitalizzazione e Innovazione
tecnologica, di DigitPA e di FormezPA. 

LinkedIn

Twitter

Whatsapp

Facebook

Google+

Link