PA DIGITALE

“Patto digitale” fra le in-house Ict: partono Emilia-Romagna, Trentino Alto Adige e Veneto

Siglano l’accordo Informatica Alto Adige, Lepida, Pasubio Tecnologia e Trentino Digitale. Obiettivo lo sviluppo di nuove filiere dell’innovazione basate sulla condivisione di modelli per l’offerta di servizi per la pubblica amministrazione

16 Mar 2022
cyberspace
abstract three dimensional representation of cyberspace and the internet

Le società in house della Pubblica amministrazione si alleano per rilanciare uno sviluppo digitale a misura di territorio, migliorando efficacia e qualità dei servizi a favore di cittadini ed enti pubblici. È questo l’obiettivo dell’accordo strategico sottoscritto negli scorsi giorni da quattro società in house che si occupano di Ict: Informatica Alto Adige, Lepida, Pasubio Tecnologia e Trentino Digitale. L’intesa consentirà di sviluppare sinergie determinanti nello scambio di informazioni, conoscenze, know-how ed esperienze, così da garantire la digitalizzazione e l’innovazione dei territori di riferimento.

Spinta a nuove filiere di innovazione

“La complessità dei sistemi attuali necessita di competenze e di una visione che raramente un soggetto solo può avere – spiega Gianluca Mazzini, Dg di Lepida -. All’interno di questo gruppo cerchiamo di sviluppare insieme filiere di innovazione con ricadute dirette sui nostri territori”.

In particolare, grazie a questo accordo è possibile stipulare ulteriori accordi specifici per collaborare su attività di interesse comune condividendo modelli, metodologie ed esperienze su specifiche tematiche attinenti i servizi digitali erogati per la Pubblica Amministrazione.

Sicurezza e connettività al centro degli obiettivi

Le società possono confrontarsi e sviluppare congiuntamente iniziative e servizi su temi riguardanti quattro ambiti di interesse: sicurezza, sviluppo di servizi e app, connettività e soluzioni basate su Internet of Things.

“Da cittadini, imprese ed enti pubblici – sottolinea il Dg di Trentino Digitale, Kussai Shahin – arriva con forza la richiesta di servizi di nuova generazione, in grado di garantire la competitività dei territori. A loro dobbiamo risposte concrete e grazie anche a sinergie tra società pubbliche garantiremo innovazione e digitalizzazione”.

Una prospettiva  condivisa anche dall’Amministratore unico di Pasubio Tecnologia, Laura Locci, che afferma: “Questo accordo riveste per noi un’importante occasione di crescita e cooperazione, una scelta strategica in un contesto caratterizzato da grande velocità ed incertezza, ed è finalizzato a supportare i nostri enti e i nostri cittadini con servizi sicuri, affidabili e resilienti”.

Al centro non concorrenza e condivisione

La collaborazione tra Informatica Alto Adige, Lepida, Pasubio Tecnologia e Trentino Digitale ha inizio a luglio 2021 con la costituzione del gruppo “Cerchio Ict in house”, un gruppo aperto alle società in house a capitale pubblico che operano a livello locale o regionale e che si propone come missione quella del “fare mediante collaborazione Ict”, con un approccio  teso alla non concorrenza e alla condivisione delle azioni nel rispetto dei perimetri.

Per il Dg di Informatica Alto Adige, Stefan Gasslitter, “la collaborazione permette di rispondere adeguatamente alle sfide sempre maggiori nel campo della digitalizzazione e connessione. La collaborazione è nel rispetto dei specifici punti di forza di ognuno di noi. Per noi è importante essere sempre a disposizione dei cittadini”.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 3