LA PROPOSTA

Più digitale per crescita e occupazione, ecco la “contro-manovra” dei sindacati

Cgil, Cisl e Uil chiedono al governo di invertire la rotta sul ddl Stabilità dando priorità all’innovazione: più investimenti per le infrastrutture, da scorporare dal deficit e maggiore ricorso alla moneta elettronica per combattere l’evasione i punti cruciali. Lavoro: un sistema informativo unico per incrociare i dati dei centri per l’impiego. PA digitale: assumere esperti

22 Ott 2018

Federica Meta

Giornalista

Una manovra che non guarda allo sviluppo del Paese e che rischia di mandare in crisi anche l’occupazione. Cgil, Cisl e Uil criticano aspramente il ddl Stabilità e chiedono di invertire la rotta, anche rimettendo al centro le politiche per il digitale.

Nei 10 ambiti identificati dai sindacati – si va dallo sviluppo economico e lavoro, a sanità, fisco, previdenza, welfare, politiche sociali, Mezzogiorno, lotta alla povertà, istruzione e pubblica amministrazione – l’innovazione gioca un ruolo cruciale, essendo considerata “una leva di crescita imprescindibile”, dicono dalla Cgil a CorCom.

Entrando nel dettaglio, sul fronte sviluppo e occupazione, si chiede di programmare un graduale incremento degli investimenti pubblici fino al 6% del Pil e aprire una discussione in Europa per lo scomputo degli investimenti pubblici dal deficit. Mosse – secondo i sindacati – che faciliterebbero lo sviluppo delle reti digitali.

Innovazione al centro anche della riforma fiscale e della lotta all’evasione. Cgil, Cisl e Uil chiedono di rendere tracciabili tutti i pagamenti, attraverso l’utilizzo della moneta elettronica e portando a 1000 euro il limite per i pagamenti in contanti. “Serve – si legge nel documento – trasmettere automaticamente fattura elettronica e tutte le transazioni a Sogei ed all’anagrafe fiscale e incrociare le banche dati della PA”.

WHITEPAPER
Come è cambiato in Italia il quadro normativo dei pagamenti digitali verso la PA?

Focus anche sul Mezzogiorno per il quale si chiede un impegno speciale per la messa in opera di un piano per la infrastrutturazione energetica e digitale. Necessario anche un rifinanziamento e una proroga fino al 2021 del credito d’imposta per investimenti in beni strumentali, soprattutto digitali.

Per migliorare il sistema degli ammortizzatori sociali e delle politiche attive, insieme a un rafforzamento del sistema Anpal si propone di “realizzare un sistema informativo unico ed efficiente” per incrociare i dati dei centri dell’impego su tutto il territorio nazionale e facilitare il matching tra domanda e offerta di lavoro.

C’è poi il capitolo istruzione e conoscenza: Cgil, Cisl e Uil ritengono utile adottare un Piano nazionale di garanzia delle competenze e potenziare l’offerta formativa terziaria professionalizzante, in particolare degli Its.

Infine la PA dove si chiedono assunzioni in breve tempo, con un occhio soprattutto all’iniezione di esperti digitali.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Approfondimenti

C
cgil
C
cisl
M
manovra
U
uil