Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

IL PREMIO

Riuso, Csi Piemonte sul podio europeo

La smart data platform “Yucca” si aggiudica lo “Sharing & Reuse Award 2019” della Commissione Europea. Il dg Pacini: “Valorizzazione dei dati pilastro della nostra di strategia”

13 Giu 2019

La Regione Piemonte e il Csi Piemonte vincono lo “Sharing & Reuse Award 2019” della Commissione Europea. Il premio va a Yucca, la Smart Data Platform della Regione Piemonte, giudicata la migliore soluzione tecnologica condivisa dedicata a pubbliche amministrazioni, cittadini e imprese.

“La smart data platform della Regione Piemonte – spiega Anna Cavallo, responsabile del Centro di Eccellenza Data strategy e big data analytics del Csi – è in grado di coniugare Internet of Things e Open Data, è realizzata con tecnologie open source e oggi è utilizzata da 44 organizzazioni pubbliche e private con un patrimonio in continua crescita di oltre 2 miliardo di dati, di cui il 49% sono open. Fra questi dati privati, open data e informazioni provenienti da diversi parametri ambientali (temperatura, umidità, qualità dell’aria, luminosità, rumore) raccolti da 1.500 device connessi per un totale di 10 milioni e mezzo di dati provenienti dai sensori”.

“Questo importante riconoscimento – dichiara Pietro Pacini, Direttore Generale del Csi Piemonte – aggiunge una tessera al puzzle del nuovo Csi che stiamo componendo. Dopo essere stati nominati Cloud Service Provider d AgiD, infatti, questo premio conferma il valore del lavoro che svolgiamo sul tema dei dati. Si tratta di un settore chiave per lo sviluppo del Csi di domani, che abbiamo valorizzato dedicandogli uno dei nostri sette nuovi Centri di Eccellenza aziendali e sul quale si basano anche due recenti accordi di collaborazione firmati con Fondazione Isi e Fondazione Links, per sviluppare progetti di ricerca e di innovazione per i nostri clienti e per tutto il territorio”.

Sono sessantotto in tutto le soluzioni che sono state presentate dalle amministrazioni pubbliche provenienti da venti paesi europei. Tutti i progetti sono stati valutati da un Comitato di valutazione che ha selezionato 31 soluzioni per il round finale. La giuria, composta da membri che lavorano per il Consiglio europeo, la Commissione europea e il Parlamento europeo, ha selezionato alla fine le sedici migliori soluzioni, quattro per categoria, in base ai criteri di progettazione, governance, impatto e portata del riuso, sostenibilità.
In particolare, la soluzione del Csi Piemonte è stata premiata per essere il “most innovative shared IT service” ed è stato l’unico caso a livello italiano.

“Esprimo grande soddisfazione per l’esito della selezione – sottolinea Giorgio Consol, Responsabile Servizi digitali per cittadini e imprese della Regione Piemonte – che ha visto Yucca ottenere il primo premio nella categoria “Most innovative Shared IT Service”. Per noi l’ecosistema dei dati è uno dei punti cardine della nostra Agenda digitale. Stiamo puntando molto su questa soluzione perché grazie alla Smart data platform, inteso come sistema tecnico-organizzativo, diventerà più efficace “ascoltare il territorio, valorizzando la circolarità del patrimonio informativo pubblico, ideando nuovi servizi e favorendo decisioni più efficaci”.

“Nel resto del mondo le piattaforme abilitanti che mettono insieme IoT e Open Data sono di natura privata, il Piemonte ha costruito una piattaforma pubblica in grado di consentire in modo regolamentato l’accesso ai privati- conclude Consol – Con le future evoluzioni ed i finanziamenti, che consentiranno il potenziamento delle piattaforme per la gestione dell’IoT e dei Big Data, compreso nell’Asse II – Agenda Digitale del Por-Fesr, sarà possibile accedere a un insieme di informazioni e relativi strumenti di analytics, utili per il supporto decisionale e la valorizzazione del patrimonio informativo pubblico. L’approccio sarà non solamente di tipo tecnologico ma soprattutto organizzativo, privilegiando altresì l’incontro domanda-offerta di informazioni”.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Approfondimenti

C
csi piemonte
P
pietro pacini
R
riuso

Articolo 1 di 5