Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Roma, l’Anagrafe va online. Alemanno: “La Pa nelle case dei cittadini”

Sedici le tipologie di certificati che si possono richiedere attraverso il sito del Comune con timbro e firma digitale. Brunetta: “Si risparmiano ingenti risorse che l’amministrazione può reinvestire in nuovi servizi”

16 Mar 2010

Cittadini romani, addio alle lunghe file agli sportelli per
ottenere un certificato anagrafico. Da oggi nella capitale è
possibile richiedere, ricevere e stampare comodamente da casa
sedici tipi di certificati, tra cui quello di cittadinanza,
godimento dei diritti politici, matrimonio, nascita, residenza,
stato civile, stato di famiglia. Il tutto online tramite il sito
www.comune.roma.it.

Il timbro e la firma digitali apposti sul certificato lo rendono
autentico e immediatamente utilizzabile. Il pagamento dei diritti
di segreteria o dell’eventuale bollo avviene tramite carta di
credito. A pagamento effettuato viene generato il file pdf del
certificato con firma olografa del sindaco.

Il primo ad usufruire del servizio è stato questa mattina un
cittadino di origine cinese. A presentare la novità in Campidoglio
il sindaco Gianni Alemanno, il vicesindaco Mauro Cutrufo e
l’assessore ai servizi tecnologici Enrico Cavallari. “Oggi con
questo servizio, che siamo tra i primi a dare – afferma Alemanno
-, passiamo da un’amministrazione ‘davanti allo sportello’ a
una che entra nelle case dei cittadini e consente di risparmiare
tempo tutelando anche l’ambiente grazie ad un impatto positivo
sulla mobilità”. Per l’assessore Cavallari questo servizio
“diventerà un punto di forza della città”.

Il ministro per la PA Renato Brunetta plaude a un'iniziativa
"che attua buona parte degli obiettivi del protocollo
d'intesa per l'innovazione dei processi e dei servizi
comunali che avevo sottoscritto insieme al sindaco Alemanno".
"Con la digitalizzazione dei documenti – conclude il ministro
– si semplifica la vita dei cittadini e vengono eliminati inutili e
costosi sprechi, consentendo all'amministrazione comunale di
reinvestire in nuovi servizi le ingenti risorse così
risparmiate".