Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

CRESCITA 2.0

Rutelli: “Agenda digitale, open data e riuso le chiavi di volta”

Il presidente del gruppo “Per il Terzo Polo”: “La digitalizzazione genera un immenso patrimonio di risorse economiche e occupazionali”. Presentati quattro emendamenti ad hoc al Crescita 2.0

21 Nov 2012

F.Me.

“L’Agenda digitale è una risorsa cruciale per la crescita che non solo si può fare, si deve fare”. Lo dichiara in una nota Francesco Rutelli, presidente del gruppo Per il Terzo Polo (Api-Fli) che ha presentato 4 emendamenti all’articolo 9 del ddl 3533″‘Ulteriori misure urgenti per la crescita del Paese”. “Se è di crescita che vogliamo parlare – spiega Rutelli – non possiamo non considerare l’immenso patrimonio di risorse economiche e occupazionali che la digitalizzazione delle informazioni è in grado di generare. L’Agenda digitale è il futuro. Purtroppo a oggi non è sfruttata al massimo delle sue potenzialità e se vogliamo renderla veramente operativa è necessario rimuovere una serie di criticita’”.

“Gli emendamenti che ho presentato vanno sicuramente in questa direzione – prosegue Rutelli – incentivare il massimo riutilizzo delle infrastrutture esistenti e limitare la tendenza inevitabile verso l’acquisto di nuovo hardware permette di impiegare le scarse risorse economiche disponibili verso nuova occupazione qualificata; conformità alla direttiva Inspire per i sistemi geografici, sfruttandone tutte le potenzialità conformemente allo spirito ed alle specifiche dello standard aperto noto come open data, in modo che siano poi effettivamente riutilizzabili dalle aziende, dalle PA e da chiunque possa farne uso”.

“L‘Agenda digitale oggi è non solo un supporto irrinunciabile sia per le amministrazioni pubbliche, per conseguire gli obiettivi di e-government, sia per molti aspetti della vita quotidiana di cittadini e imprese, puo’ essere il principale strumento, a costo zero – ha concluso Rutelli- per promuovere la crescita economica del Paese”.