Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

LA GUIDA

Scontrino elettronico, scatta l’obbligo. Ecco come funziona

Un vademecum della Fondazione Consulenti del Lavoro sulle novità introdotte dalla Legge di Bilancio. Riflettori sui bonus per i registratori di cassa digitali e sulla moratoria per le sanzioni

04 Lug 2019

F. Me

Lo scontrino elettronico è realtà. La Fondazioni Studi Consulenti del Lavoro ha redatto un vero e proprio vademecum che spiega novità più importanti contenute nel decreto n. 119/2018 collegato alla Legge di Bilancio 2019.

Sul versante dei consumatori lo scontrino elettronico non produrrà nessun cambiamento mentre per i commercianti le novità sono molte. Questi saranno infatti obbligati a rilasciare un documento commerciale, salvo che non sia emessa fattura, adeguandosi alle nuove regole, qualora abbiano un volume d’affari annuo superiore ai 400 mila euro. Gli esercenti saranno collegati direttamente all’Agenzia delle Entrate attraverso un registratore digitale o, in alternativa, con il modello analogico, adattandolo con un software specifico.

Lo scontrino elettronico sarà obbligatorio per tutte le categorie che esercitano il commercio al dettaglio. Sono esonerate le categorie già escluse dall’obbligo di certificazione dei corrispettivi tramite scontrino o ricevuta fiscale, come tabaccai e giornalai.

Ovviamente è necessario che gli esercenti si dotino di registratori di cassa adeguati e peri i quali sono previsti incentivi. quali sono previsti incentivi. Chi ne acquisterà uno nuovo tra il 2019 e il 2020 si vedrà riconosciuto un bonus fiscale, con un credito d’imposta pari al 50% della spesa fino a un massimo di 250 euro. Chi invece adatterà il “vecchio” registratore di cassa, potrà ottenere un contributo fino a 50 euro.

Gli esercenti avranno comunque sei mesi di tempo per adeguarsi senza incappare in multe. L’Agenzia delle Entrate ha deciso una moratoria di sei mesi sulle sanzioni per chi non si è ancora attrezzato all’invio dei corrispettivi giornalieri per via telematica e un servizio web per memorizzare e trasmettere alle Entrate i dati senza avvalersi dei registratori ad hoc.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Approfondimenti

S
scontrino elettronico

Articolo 1 di 2