IL SERVIZIO

Spid, Lepida lancia l’identità digitale professionale per le persone giuridiche

I dati della persona fisica vengono associati a quelli di organizzazioni e aziende per cui si lavore. Ecco come attivarla e come funziona

Pubblicato il 01 Mar 2024

spid-160914125240

L’identità Spid è diventata uno strumento indispensabile per l’accesso ai servizi online della Pubblica Amministrazione e dei privati. Con la pubblicazione delle “Linee guida per il rilascio delle identità digitali per uso professionale” da parte di Agid, Spid diventa anche uno strumento che consente alle Pubbliche Amministrazioni e ai privati di verificare l’appartenenza di una persona fisica ad un’organizzazione e/o la sua qualità di professionista.

Spid professionale per persona giuridica, come funziona

Le identità ad uso professionale per persona giuridica (elDup PG) sono rilasciate al dipendente dal proprio Ente e contengono i dati della persona fisica associati a quelli della persona giuridica per la quale opera. L’Ente deve individuare tra i propri dipendenti coloro che ricopriranno i ruoli di Utenza di governo e Utenza di gestione, ossia i soggetti identificati nominalmente per svolgere la funzione di identificazione de visu, verifica, rilascio e gestione delle elDup PG ai dipendenti dell’Ente. Queste figure devono partecipare alla formazione obbligatoria erogata da Lepida e, dopo aver ottenuto la propria elDup PG ed essere state abilitate al ruolo preposto, potranno procedere con la registrazione e il rilascio delle identità ai colleghi. L’utenza di governo accede al sistema LepidaID per inserire l’elenco dei soggetti eleggibili ad ottenere l’elDup PG, indicando il codice fiscale e l’indirizzo e-mail, potendo richiedere anche la revoca. L’utenza di gestione accede al sistema LepidaID per effettuare la registrazione del soggetto richiedente e il riconoscimento a vista dello stesso. Al termine della registrazione, il soggetto richiedente riceve una email per completare la procedura e ottenere l’elDup PG.

Non è possibile attribuire alla stessa persona i ruoli di utenza di governo e utenza di gestione; anche gli Operatori Spid LepidaID deputati al rilascio delle identità digitali personali non possono ricoprire contemporaneamente i ruoli di utenza di governo o di gestione.

Il fronte contrattuale

Dal punto di vista contrattuale, l’Ente deve prendere visione e sottoscrivere la convenzione che regola l’erogazione e la gestione delle identità Spid LepidaID ad uso professionale per persona giuridica, fornire tutte le informazioni richieste da Lepida e compilare in tutte le sue parti la modulistica necessaria alla nomina delle utenze di governo e di gestione e alla configurazione dello sportello. È responsabilità dell’Ente mantenere aggiornato l’elenco dei nominativi delle utenze di governo e di gestione e comunicare tempestivamente a Lepida l’eventuale revoca (e conseguente disabilitazione) del ruolo di Operatore dei propri collaboratori o modifiche inerenti la configurazione degli sportelli. Per maggiori informazioni è possibile compilare il modulo online disponibile su id.lepida.it

Valuta la qualità di questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Articoli correlati

Articolo 1 di 5