Trasformazione digitale degli enti locali regionali, via a “Digitale Comune” - CorCom

Trasformazione digitale degli enti locali regionali, via a “Digitale Comune”

Entra nel vivo il progetto della Regione Emilia-Romagna e Lepida: dallo Spid all’app IO fino alla piattaforma PagoPA, online tutte le informazioni per usufruire al meglio delle opportunità offerte dalle nuove tecnologie

02 Ago 2021

Enzo Lima

Promuovere la trasformazione digitale degli enti locali regionali. E consentire ai cittadini di avere a disposizione tutta una serie di servizi: dalla richiesta di certificati demografici alle spese per il parcheggio, dai pagamenti delle rette per i servizi scolastici alla prenotazione di appuntamenti. Questa la mission di “Digitale Comune”, il progetto della Regione Emilia-Romagna. Dallo Spid all’app IO fino alla piattaforma PagoPA: online tutte le informazioni per usufruire al meglio delle opportunità offerte dalle nuove tecnologie.

Il progetto “Digitale Comune” che entra nel vivo con le iniziative di comunicazione e un sito, dedicato a chi sia interessato a conoscere come utilizzare al meglio i servizi online accessibile alla pagina https://digitale.regione.emilia-romagna.it/digitale-comune/

“Questo sito nasce con l’obiettivo di avvicinare il maggior numero di persone possibile, in modo inclusivo, all’utilizzo di questi strumenti”, spiega l’assessore alla Scuola, Università, Ricerca e Agenda digitale, Paola Salomoni. “La formazione e il coinvolgimento diventano essenziali nel momento in cui la tecnologia diventa un mezzo indispensabile per esercitare i propri diritti di cittadinanza digitale”.

Il progetto Digitale Comune è stato realizzato grazie a uno stanziamento di 2,1 milioni messi a disposizione a fine 2020 dal Ministero per l’innovazione tecnologica e la transizione digitale nell’ambito dell’accordo tra la Regione Emilia-Romagna e il Dipartimento per la trasformazione digitale. Le risorse disponibili sono state integrate con ulteriori 500mila euro investiti dalla Regione Emilia-Romagna per il sostegno dell’iniziativa.

Al progetto – che rientra nelle azioni previste nell’ambito dell’Agenda Digitale, Data Valley Bene Comune – hanno partecipato tutti gli enti dell’Emilia-Romagna. L’obiettivo è ambizioso: entro la fine dell’anno almeno il 70% dei servizi di pagamento di ciascun ente deve essere integrato con pagoPA, tutti i servizi online della PA devono interagire con Spid e ogni ente deve esporre di almeno 10 servizi su app IO.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 2