Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Via all’indagine sull’utilizzo della Pec nella PA

L’ispettorato della Funzione pubblica indagherà sulle amministrazioni inadempienti. Intanto il Tar del Lazio conferma l’assegnazione della gara per il servizio di e-mail certificata a Poste e Telecom

15 Apr 2010

Grandi manovre in vista del Pec-Day, previsto per il prossimo 26
aprile. Il ministro della PA e Innovazione, Renato Brunetta, ha
incaricato l’Ispettorato della Funzione Pubblica di effettuare un
capillare controllo su tutte le Pubbliche Amministrazioni al fine
di individuare eventuali inadempimenti normativi in relazione
all’attivazione e all’uso della Pec. Il ministro ha inoltre
affidato al Formez un’indagine conoscitiva per quantificare il
numero di caselle Pec realmente attive e funzionanti presso le
Pubbliche Amministrazioni.

Lo scorso 19 marzo Brunetta
aveva avviato
un'indagine simile per fare il punto
sull'uso dello strumento tra i professionisti, per i quali
l'obbligo è scattato a novembre 2009.

Intanto il Tar "mette il timbro" sull'assegnazione
della gara per la Posta elettronica certificata aPoste Italiane,
Postecom e Telecom Italia. Il tribunale ha infatti respinto il
ricorso presentato da Aruba e Lottomatica che chiedevano una
sospensione della gara, precisando che non ci sono
''persuasivi profili di fondatezza nella richiesta di Aruba
e Lis (Lottomatica Italia Servizi) di sospendere gli atti relativi
all'affidamento al Raggruppamento temporaneo d'imprese
(Rti) costituito da Poste Italiane, Postecom e Telecom Italia,
della concessione del servizio di Posta elettronica certificata
(Pec) gratuita per i cittadini".
La gara ha messo sul piatto 25 milioni di euro, per 4 anni
altrettanti ulteriori 25 milioni nell'ipotesi di esercizio
dell'opzione per successivi 4 anni.

Per il Tar è ''escluso che, nel quadro della sommaria
deliberazione propria della presente sede cautelare – si legge
nell'ordinanza – rivelino persuasivi profili di fondatezza le
doglianze rivolte avverso la non ammissione a valutazione
dell'offerta tecnica presentata dal raggruppamento avente quale
mandataria la ricorrente Aruba, nonchè quelle proposte a sostegno
dell'affermata illegittimità dell'ammissione del
raggruppamento, poi risultato aggiudicatario, avente quale
capogruppo Poste Italiane''.

LinkedIn

Twitter

Whatsapp

Facebook

Google+

Link