E-privacy, primo via libera dal Parlamento Ue - CorCom

IL VOTO

E-privacy, primo via libera dal Parlamento Ue

La commissione Libertà Civili ha votato le misure che introducono novità sulle geolocalizzazione e sui cookies per tutelare maggiormente gli utenti. BusinessEurope: “Norme in conflitto con Gdpr”. Ora la palla passa al Consiglio e alla Commissione

19 Ott 2017

F.Me.

Primo ok dell’Europarlamento a una controversa stretta sulle norme a tutela della privacy che dovranno rispettare i giganti del web, da Whatsapp a Facebook, sino alle altre applicazioni per smartphone o servizi offerti online. La commissione libertà civili ha approvato con una risicata maggioranza – tra l’altro con l’opposizione del Ppe – le nuove misure, che dovranno però ancora passare dalla plenaria oltre che essere negoziate insieme a Consiglio e Commissione, prima di arrivare al testo legislativo definitivo sulla e-privacy.

Le nuove norme offrono più tutele sul fronte della geolocalizzazione degli utenti e l’accesso ai supporti elettronici (deve essere sempre chiesto il consenso), sui cookies e l’obbligo di fornire il servizio anche se l’utente non consente di tracciare la sua attività online, e una protezione di default della privacy incluso per i sistemi di accesso a internet. I consumatori europei del Beuc hanno accolto con favore il testo dell’Europarlamento, parlando di “grande passo avanti” per “rimettere i consumatori alla guida”.

WHITEPAPER
Gestione dei contratti e GDPR: guida all’esternalizzazione di attività dei dati personali
Legal

Di parere completamente opposto l’industria digitale e non, secondo cui si tratta invece, nelle parole di BusinessEurope, secondo cui le nuove norme contraddicono la legislazione già esistente sulla privacy (Gdpr), dimostrando che “ha prevalso la fretta sulla qualità”.

Argomenti trattati

Approfondimenti

E
e-privacy
G
GDPR