IL SUMMIT

Privacy, accordo Ue-Usa sul trasferimento dei dati: ecco il nuovo “Safe Harbor”

La presidente della Commissione von der Leyen e il presidente statunitense Biden annunciano l’intesa, per garantire sicurezza delle informazioni di cittadini e imprese. Le norme sostituiranno quelle annullate dalla Corte di Giustizia Ue nel 2015

25 Mar 2022

Antonello Salerno

privacy-shield-170630164907

Europa e Stati Uniti hanno raggiunto l’accordo sul trasferimento dei dati da un versante all’altro dell’Oceano. Lo ha annunciato il presidente americano Joe Biden durante la conferenza stampa congiunta con la presidente della Commissione Ue Ursula von der Leyen alla fine dell’incontro che si è svolto tra i due a Bruxelles.

“Sono orgoglioso di annunciare che abbiamo compiuto anche un altro importante passo avanti sul flusso di dati – ha detto Biden – Abbiamo concordato una protezione senza precedenti per la privacy e la sicurezza dei dati per i nostri cittadini. Questa nuova disposizione migliorerà il quadro del Joe Biden, promuovendo la crescita e l’innovazione in Europa e negli Stati Uniti aiutando le piccole e grandi aziende a competere su scala globale”.

Le normative precedenti, quelle del cosiddetto accordo “Safe Harbor”, erano state annullate nell’ottobre 2015 da una sentenza della Corte europea di giustizia per una serie di criticità sul rispetto della privacy, dal momento che consentivano alle imprese americane di conservare e utilizzare i dati personali degli utenti europei.

“Il quadro consentirà alla Commissione Europea di autorizzare i flussi transatlantici di dati – sottolinea Biden -, che aiuteranno a facilitare 7,1 miliardi di dollari nelle relazioni economiche con l’Ue”. Il nuovo patto, dimostrazione del “nostro impegno comune per la privacy, la protezione dei dati e lo stato di diritto”, secondo quanto illustrato dal presidente degli Stati Uniti sostituirà gli accordi precedenti.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 2