Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

IL REPORT

Privacy, dai Garanti Ue sanzioni per 114 milioni: Google al top

Secondo i dati di Dla Piper sono 1.886 i casi di data breach notificati all’Authority italiana. Il nostro Paeseall’undicesimo posto per numero di notifiche e al quarto per ammontare delle multe: 11,55 milioni

21 Gen 2020

F. Me

Dall’entrata in vigore del Gdpr a maggio 2018, ci sono state più di 160mila notifiche di “data breach” nei 28 Stati membri dell’Unione Europea, oltre a Norvegia, Islanda e Liechtenstein. Secondo l’ultima indagine svolta da Dla Piper i Garanti per la protezione dei dati personali hanno emesso sanzioni per un valore complessivo di 114 milioni di euro per diverse tipologie di violazioni del regolamento e non solo per data breach.

Sono 1.886 i casi di data breach notificati al Garante italiano, valore che classifica il nostro Paese all’undicesimo posto nell’Unione europea per numero di notifiche, mentre le sanzioni emesse – pari a 11,55 milioni – classificano l’Italia al quarto posto. Francia, Germania e Austria sono in cima alla classifica per il valore totale delle sanzioni inflitte ai sensi del Gdpr con rispettivamente poco più di 51 milioni, 24,5 milioni e 18 milioni. Olanda (40.647 casi), Germania (37.636) e Regno Unito (22.181) sono in cima alla tabella per il numero di notifiche di data breach.

Anche il tasso giornaliero di notifiche di data breach è aumentato del 12,6%: da 247 notifiche al giorno per i primi otto mesi di Gdpr (da maggio 2018 al 27 gennaio 2019) a 278 notifiche di data breach al giorno per l’anno in corso. Valutando i risultati in confronto alla popolazione dei Paesi, l’Italia ha segnalato 2,05 data breach per 100mila persone, rispetto a 0,9 per 100mila persone l’anno scorso: un dato che classifica il paese al 25esimo posto rispetto alla penultima posizione dell’anno scorso. La sanzione finora più elevata, pari a 50 milioni di euro, è stata imposta dal Garante privacy francese ai danni di Google per presunte violazioni del principio di trasparenza e mancanza di un valido consenso.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Aziende

D
Dla Piper
G
google

Approfondimenti

G
GDPR
P
privacy

LinkedIn

Twitter

Whatsapp

Facebook

Link