IL PROCEDIMENTO

Privacy, l’app delle “voci contraffatte” FakeYou nel mirino del Garante

L’authority apre un’istruttoria sulla società a cui fa capo l’applicazione in grado di riprodurre la pronuncia di personaggi famosi partendo da semplici testi scritti: “Preoccupazione per i potenziali rischi che potrebbero determinarsi da un uso improprio di un dato personale come la voce”

13 Ott 2022

A. S.

privacy-170504152016

L’app FakeYou finisce nel mirino del Garante per la Protezione dei Dati Personali, che ha aperto un’istruttoria nei confronti della società “The Storyteller Company – FakeYou“. Lo strumento consente  di riprodurre file di testo mediante voci false, ma realistiche, di personaggi famosi, anche italiani. Una circostanza che ha suscitato le preocupazioni dell’authority, indirizzate “verso i potenziali rischi che potrebbero determinarsi da un uso improprio di un dato personale, quale è appunto la voce”.

A The Storyteller Company il Garante privacy ha chiesto di trasmettere, con urgenza, ogni possibile elemento utile a chiarire l’iniziativa. Tra le delucidazioni richieste ci sono anche quelle che riguardano le modalità di “costruzione” della voce dei personaggi famosi, il tipo di dati personali trattati, e le finalità del trattamento dei dati riferiti ai personaggi noti e agli utenti che utilizzano l’app.

Tra le informazioni che la società è chiamata a fornire al garante, infine, c’è anche l’ubicazione dei data center che archiviano i dati personali, sia con riferimento agli utenti registrati dall’Italia, sia ai personaggi noti, e “le misure tecniche e organizzative adottate – si legge in una nota dell’authority – per garantire un livello di sicurezza adeguato al rischio”.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Aziende

F
FakeYou

Approfondimenti

D
data protection
G
garante privacy
G
GDPR
P
privacy

Articolo 1 di 4