Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

LA NOMINA

Sviluppo sostenibile, Starace nella piattaforma high-level della Ue

L’ad di Enel ha partecipato ieri al primo incontro a Bruxelles: “La sostenibilità del modello sociale ed economico europeo è una responsabilità chiave per tutti noi. Lo dobbiamo alle future generazioni di cittadini dell’Unione così come al resto del mondo”

11 Gen 2018

A. S.

Francesco Starace, amministratore delegato di Enel, nominato membro della European high level multi-stakeholder platform (nella foto) ha partecipato ieri al primo incontro. La piattaforma si occupa di implementare gli obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite, i sustainable development goals. Enel, si legge in una nota della società, è la sola azienda italiana all’interno della nuova piattaforma da 30 membri, dei quali soltanto due espressione del settore privato.

Francesco Starace

“La sostenibilità del modello sociale ed economico europeo è una responsabilità chiave per tutti noi Europei – afferma Starace – Lo dobbiamo alle future generazioni di cittadini dell’Unione così come al resto del mondo per indicare che esiste un percorso sostenibile per la crescita in tutte le società del mondo. L’impegno di Enel verso lo sviluppo sostenibile è parte integrante della sua strategia di business, e sono orgoglioso di rappresentare il Gruppo così come il settore privato italiano”.

Tra i compiti della piattaforma c’è anche quello di creare un forum sulle best practices a livello locale, regionale, nazionale ed europeo, con l’intento registrare i progressi relativi alla implementazione, su lungo termine, degli obiettivi in Europa e riportarli alla Commissione. Tutto questo all’interno di una rappresentanza delle parti interessate inclusiva ed equa, con membri appartenenti alla società civile, alle organizzazioni non governative, al settore privato ed aziendale.

Tutti i membri – spiega Enel – sono stati inclusi per la loro competenza ed esperienza in uno o più dei 17 obiettivi. In particolare, ad Enel è andato il riconoscimento per il suo ruolo di leader nel promuovere l’agenda 2030 delle Nazioni Unite e per gli obiettivi specifici intrapresi per contribuire a quattro degli obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite:

Sdg 4 (qualità nell’istruzione), Sdg 7 (accesso all’energia pulita ed economicamente sostenibile), Sdg 8 (promozione dell’occupazione e della crescita economica inclusiva) e  Sdg 13 (azioni per il clima).

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 5