Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

TECH ZONE

Fotocamere al raddoppio, ecco il nuovo Pixel 4 di Google

Lo smartphone è disponibile in due versioni con schermi da 5,7 e 6,3 pollici. Più veloce ed efficiente Google Assistant. In Italia in vendita dal 24 ottobre: prezzi partire da 759. Ecco le novità

16 Ott 2019

Google svela i suoi nuovi apparecchi e la strategia: abilitare l'”ambient computing”, un modo per avere tutti i gadget sempre connessi e sempre in ascolto per aiutare gli utenti. Gli annunci arrivano dopo il lancio dei prodotti di Amazon, Apple e Microsoft, tutti in gara per le vendite di Natale che cominciano tradizionalmente con la festività commerciale del Black Friday.
L’oggetto più importante anche per la competizione che vede Google con Android opposta ad Apple con iPhone è stato il nuovo smartphone Pixel 4, oltre alle cuffie senza fili Pixel Buds. Google con l’hardware vuole dimostrare che fa sul serio e non vuol rischiare di restare indietro rispetto alla concorrenza degli altri big del tech. Ma soprattutto che vuole creare un sistema integrato basato sulla parola chiave “ambiente”.

Pixel 4 e Pixel 4 XL

Le due versioni dello smartphone di Google, con schermi rispettivamente da 5,7 e 6,3 pollici, disponibili in Italia dal 24 ottobre nei colori bianco e nero (più la serie limitata arancione), a partire da 759 euro per il Pixel 4 e 899 euro per il Pixel 4 XL.
Punti di forza: la ripresa notturna della fotocamera, capace anche di scattare al buio il cielo stellato (la maggior parte dei telefoni in commercio non riesce a fotografare la Via Lattea), il display con refresh da 90 Hz (il secondo apparecchio con questa tecnologia dopo l’OnePlus 7 Pro dell’anno scorso) che rende lo scrolling molto più morbido. Il telefono è in grado anche di “sentire” se la macchina in cui viaggia il suo utilizzatore ha un incidente stradale e chiamare soccorsi automaticamente.

Pixel Buds

Le cuffie senza fili per un uso “casual” da battere sono quelle di Apple, le AirPods. Che con le nuove Pixel Buds, giunte alla seconda versione e con un prezzo comparabile, trovano pane per i loro denti.
Al prezzo di 179 dollari sul mercato americano (il prezzo italiano non è stato ancora annunciato) arriveranno nella primavera del 2020 e avranno un design totalmente wireless (l’attuale generazione sono collegate tra loro con un filo) e una modalità di funzionamento “adattiva”, cioè con il volume che cambia e si adatta al rumore ambientale. La connessione bluetooth è a lungo raggio e permette alle cuffie di funzionare anche con il telefono molto distante.

Pixebook e Nest

Google è presente anche nel mercato dei computer portatili ma con il suo sistema operativo ChromeOS, basato sul browser realizzato dall’azienda, e da tempo propone varie versioni e interpretazioni dei computer portatili.
In questo caso arrivano i Pixelbook Go con scherno da 13,3 pollici e 12 ore di batteria, scocca in magnesio con una increspatura sul coperchio per renderlo più facile da tenere in mano. La versione con processore mobile costa 649 dollari.
Arriva anche un’ondata di dispositivi per la smart house sotto il marchio Nest, che prevedono una serie di funzionalità differenti per sensoristica e attuatori. C’è anche un programma da sei dollari al mese, Nest Ware, che permette di ricevere un aiuto nella gestione di tutti i propri dispositivi. La versione Net Aware Plus costerà 12 dollari al mese e sarà disponibile dal 2020.
Ci sono anche i Nest Mini che sono degli smart speaker evoluti, oltre al nuovo Nest WiFi che è un router capace di gestire connessioni in maniera più efficiente soprattutto in case con molti oggetti connessi.

Gaming in streaming con Stadia

Infine, tra gli altri annunci, c’è anche la parte relativa al gaming, cioè Stadia. Google ha da tempo annunciato che avrebbe presentato un sistema di gaming in streaming, con pagamento in abbonamento.
Il sistema funziona in maniera differente da quello dei videogiochi tradizionali: l’utente si collega in remoto con il server sul quale materialmente funziona il gioco, e riceve lo streaming del video inviando i comandi che devono essere eseguiti. In contesti di connessione a bassissima latenza il sistema permette di ottenere risultati migliori di quelli ottenibili con le console tradizionali.
Il lancio di Stadia è previsto per il 19 novembre al costo di 9,99 dollari al mese. Il sistema funziona su apparecchi come Chromecast e Chromebook.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Aziende

G
google

Approfondimenti

P
pixel 4

Articolo 1 di 4