Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

COGNITIVE COMPUTING

Ibm, l’IoT di Watson strizza l’occhio all’elettronica di consumo

La compagnia Usa presenta all’Ifa di Berlino le applicazioni concrete sviluppate con Whirlpool, Panasonic, Nokia e altri. Il global head Green: “Intelligenza artificiale e Internet of Things: così la vita domestica diventerà più semplice e sicura”

07 Set 2016

Andrea Frollà

Mettere in evidenza la potenza del cognitive computing e il modo in cui può contribuire a sviluppare il pieno potenziale dell’Internet of Things. Con questo obiettivo Ibm si è presentata all’Ifa di Berlino, una delle fiere più importanti nel mondo per l’elettronica di consumo, presentando le modalità con cui le tecnologie IoT di Watson sono pronte a guidare una nuova ondata di innovazione e a svolgere un ruolo chiave in una delle più importanti trasformazioni tecnologiche mondiali.

Whirlpool, Panasonic, Nokia, il pioniere degli “hearable” (Bragi) nonché il veicolo Olli a guida autonoma e stampato in 3D, sono i partner saliti sul palco dell’evento tedesco a fianco del colosso Usa. Harriet Green, global head di Watson IoT, ha spiegato come l’intelligenza informatica cognitiva può contribuire a sviluppare il pieno potenziale dell’Internet of Things: trasformare il nostro rapporto con il mondo fisico e rendere elettrodomestici, macchine, dispositivi, case e automobili migliori, più sicure, più intuitive e più interattive.

“Milioni di sensori forniscono ora occhi e orecchie ad apparecchiature e dispositivi, aumentando la loro intelligenza integrata e consentendo loro di interagire con noi in modo più efficace – ha sottolineato Green -. La vera sfida è rappresentata dal fatto che nei prossimi anni l’Internet of Things diventerà la principale fonte di dati sull’intero pianeta: è proprio qui che entra in gioco Watson, che utilizza l’apprendimento automatico e anche altre tecniche per comprendere questi dati e trasformarli in informazioni utilizzabili”.

In questo modo, ha aggiunto il top manager, Watson “può contribuire ad automatizzare le attività, consentire ai produttori di realizzare prodotti migliori, introdurre nuovi servizi innovativi e migliorare in generale la qualità della nostra vita, in particolare nell’ambiente domestico”. Inoltre, grazie alle tecnologie cognitive, “le interazioni con le cose attraverso il linguaggio naturale e i comandi vocali miglioreranno esponenzialmente”.

Articolo 1 di 3