Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

STORIE DI SUCCESSO

Intel, 50 anni di innovazione: così ha aperto la strada alla guida autonoma

Risale al 1976 l’ingresso dell’azienda nel mercato del controllo elettronico dei motori delle automobili: dalla creazione dell’Electronic Engine Control III al contratto con Ford ecco le tappe di un percorso che l’hanno resa apripista nella tecnologia per l’automotive del futuro

11 Lug 2018

Risale al 1976 l’ingresso di Intel nel mercato del controllo elettronico dei motori delle automobili. Nel tempo il ruolo dell’azienda nel settore si è rafforzato insieme alla gamma e alla sofisticazione della tecnologia. Il “salto” non fu semplice e lo racconta l’azienda stessa in una nota.

“Robert Noyce, cofondatore della Fairchild Semiconductor nel 1957 e di Intel nel 1968, ricordò in seguito: “È stato necessario un investimento enorme. Ci siamo chiesti più volte se entrare nel settore automobilistico o meno, poi abbiamo deciso che dovevamo essere presenti in questo business indipendentemente dai costi”. Nel ’76 venne pianificato l’obiettivo aziendale di lavorare per la Ford: i dirigenti di Intel sapevano che ci sarebbero voluti anni per essere pronti per un cliente così grande”. Dick Boucher, che gestiva il nuovo programma per il settore automotive, ha ricordato: “Eravamo nel business dello sviluppo di chip, che hanno creato il loro mercato. Per entrare nel mercato automobilistico, era necessario lavorare con le aziende per sviluppare prodotti in base alle loro esigenze specifiche”.

Boucher e il suo team, spiega l’a<ienda, “hanno trascorso i loro primi anni alla ricerca di progetti relativamente piccoli con una varietà di case automobilistiche, in modo da poter apprendere i pro e i contro del settore. Ma hanno tenuto d’occhio l’obiettivo finale di prepararsi per il momento in cui Intel sarebbe diventata il fornitore principale della Ford. Il piano di Intel alla fine ha portato i suoi frutti”.

In primo luogo, l’azienda ha prodotto l’unità Electronic Engine Control III (EEC- III), una combinazione di microcontroller e unità di memoria che ha iniziato ad apparire in alcune Ford per il modello del 1981. Successivamente, quando la Ford ha voluto eseguire una revisione radicale del controllo del motore per i suoi modelli del 1984, Intel ha ottenuto il contratto.

Introdotto nel 1982 e presente in alcuni modelli selezionati del 1983, il prodotto CEE-IV era, secondo Ford, “il computer automobilistico più avanzato del mondo”. Il suo microcontroller, il modello 8061 appositamente progettato, è stato un tale successo che i suoi “parenti stretti” sono diventati la prima linea di microcontroller a 16 bit disponibili in commercio e una serie di prodotti di grande successo a sé stante, denominata MCS-96.

L’8061 e le sue varianti, abbinati alle unità di memoria Intel, sono stati integrati in molte più automobili Ford rispetto a qualsiasi altro EEC (Electronic Engine Control) nella storia della casa automobilistica. Entro il 1988 Intel aveva venduto alla Ford 20 milioni di componenti EEC-IV (10 milioni di prodotti 8061 e 10 milioni di dispositivi di memoria 8763).

Questo successo, però, presentava delle sfide. La Ford aveva bisogno di chip per ben 250.000 veicoli al mese, e Intel non poteva permettersi di non essere all’altezza della richiesta perché, come ha detto Boucher, “Alla Ford la catena di montaggio non si ferma mai due volte. …Se si ferma una volta, verrà designato un nuovo responsabile”.

Intel, racconta l’azienda, “è stata all’altezza della situazione. Il controllo elettronico del motore EEC-IV e i suoi componenti di memoria hanno vinto premi di qualità Ford rispettivamente nel 1986 e 1987. Nel 1990, Intel ha ricevuto il prestigioso Total Quality Excellence Award della Ford. Negli anni successivi al design win CEE-IV, la reputazione di Intel nel settore automobilistico ha continuato a crescere, insieme alla gamma e alla sofisticazione della tecnologia prodotta dall’azienda per il settore. Questa tendenza sarebbe continuata nelle attività dell’azienda del XXI secolo in qualità di pioniere della tecnologia per la guida autonoma”.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Approfondimenti

A
Automotive
I
ibm

Articolo 1 di 5