Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

IL PRIMATO EUROPEO

Intelligenza artificiale “modello Wuhan” al Campus biomedico di Roma

Il Policlinico universitario della Capitale adotta la tecnologia per le Tc polmonari: risposte in 20 secondi. Il sistema sarà messo a disposizione di tutte le strutture sanitarie nazionali

19 Mar 2020

Un sistema di intelligenza artificiale per diagnosi precoce e il monitoraggio di polmoniti da Covid-19, in grado di fornire una risposta attendibile al 98,5% in 20 secondi partendo dall’analisi delle immagini della Tc polmonare. Ad acquisire per primo in Europa questa tecnologia, utilizzata a Wuhan nel corso dell’emergenza Coronavirus, è il Policlinico universitario Campus Bio-Medico di Roma. Il sistema è stato testato con successo su pazienti anonimizzati dai medici radiologi del Policlinico, guidati da Carlo Cosimo Quattrocchi e dal Direttore dell’Imaging Center Bruno Beomonte Zobel.

Gli ingegneri cinesi della società europea che ha ideato la soluzione tecnologica – si legge in una nota del Policlinico – hanno lavorato alacremente con il personale del Campus Bio-Medico per installare il sistema di intelligenza artificiale e insieme hanno lo hanno sviluppato per adattarlo alle esigenze italiane.

L’applicazione, oltre a fornire la risposta immediata sul tipo di polmonite, è in grado di calcolare il volume di compromissione polmonare espresso in centimetri cubici e di fornire pertanto una valutazione di prognosi, miglioramento o peggioramento della situazione del paziente.

Una volta implementata la tecnologia, il Policlinico Universitario la mette ora a disposizione di tutte le strutture laziali e nazionali. Sarà infatti sufficiente agli ospedali di tutto il territorio fornire in via digitale le immagini TC polmonari dei pazienti e l’equipe dell’Imaging Center e della Diagnostica per Immagini del Policlinico Universitario Campus Bio-Medico fornirà il riscontro strutturato del sistema di intelligenza artificiale. Questa lettura dei dati concentrata favorirà inoltre l’apprendimento da parte del sistema per una performance sempre più accurata e aiuterà ad avere il quadro dell’evoluzione del contagio in maniera sempre più mirata e tempestiva.

Digital event, 29 aprile
Data Scientist: quali sono le competenze giuste? E quali gli attuali ambiti di applicazione?
Big Data
Intelligenza Artificiale

“Bene l’iniziativa portata avanti dall’Università Campus Bio-Medico di Roma che viene messa a disposizione dell’intera rete regionale per contrastare il virus. Abbiamo già messo a disposizione – commenta l’Assessore alla Sanità della Regione Lazio, Alessio D’Amato – la nostra piattaforma informatica ‘Advice’ che collega tutti i Pronto soccorso regionali affinché ci possa essere una rapida trasmissione delle immagini e di conseguenza una diagnosi con il rischio di polmonite. Il Sistema sanitario del Lazio si conferma un punto di riferimento importante nella lotta al Covid-19”.

“Il Campus Bio-Medico – sottolinea il Direttore Generale del Policlinico Universitario Campus Bio-Medico, Paolo Sormani – è in prima linea nella emergenza Covid-19 su due fronti complementari: sia per l’impegno come università nella ricerca epidemiologica e filogenetica e in Policlinico col lavoro giorno e notte del laboratorio analisi per dare risposte tempestive ai numerosi tamponi dell’ASL Roma 6 dei Castelli Romani, sia per la funzione fondamentale di erogazione di  assistenza medica e chirurgica a pazienti “non Covid”, con indicazioni non differibili ma non più gestibili da ospedali Covid, contribuendo così a dare risposte di salute ai cittadini e ad alleggerire le altre strutture della regione concentrate sull’assistenza a pazienti positivi al virus”.

“Questa innovazione – evidenziano il Direttore della Uoc di Diagnostica per Immagini, Carlo Cosimo Quattrocchi e il Direttore dell’Imaging Center, Bruno Beomonte Zobel – apre prospettive molto significative nella situazione di emergenza attuale, consentendo di processare una mole di dati altrimenti impossibile da analizzare, migliorando l’appropriatezza delle terapie e liberando posti preziosi nelle terapie intensive da pazienti che non ne hanno la necessità. Ma il sistema, che contribuiremo a sviluppare sulla base dei dati europei e che è prodromico anche a una evoluzione in chiave radiomica, crea un punto di svolta anche per i prossimi mesi, quando, passata l’emergenza, ci auguriamo che i casi di Covid-19 diventeranno più sporadici e quindi più difficili da identificare”.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 5