Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

LA RICERCA

iPhone 11 a rischio flop: gli utenti aspettano il 5G

Secondo Piper Jaffray i consumatori, invece di acquistare il Melafonino entry level, preferiscono aspettare il device di quinta generazione il cui debutto è atteso per il 2020

24 Set 2019

Antonio Dini

Scommettere contro Apple è sempre rischioso, perché il rischio di essere smentiti in maniera clamorosa è sempre presente. Questa volta però l’analista Piper Jaffray si prende il rischio e dichiara, sulla base delle analisi di questionari e domande rivolte a un campione della popolazione americana, che agli utenti non interessano gli iPhone 11 perché aspettano la versione 5G che verrà commercializzata tra un anno, secondo le aspettative.
Con la sua survey annuale Piper Jaffray disegna uno scenario che porterebbe alla più clamorosa sconfitta per Tim Cook e i suoi: il calcolo che Apple ha fatto, cioè che il 5G sia oggi una tecnologia immatura e non necessaria al mercato, si potrebbe girare contro l’azienda come un boomerang.

Nella survey di Piper Jaffray risulta infatti che gli utenti vogliono aggiornare il loro iPhone aspetteranno il rilascio del nuovo modello 5G previsto (secondo gli analisti, perché Apple non anticipa i prodotti futuri) tra un anno, nonostante i loro apparecchi siano in media invecchiati e nonostante il prezzo medio più basso dei telefoni di questa generazione.
Per questo Piper Jaffray si aspetta che in questo trimestre, il più importante dell’anno per volumi dato che coincide con la stagione natalizia, le vendite per unità degli iPhone rimangano relativamente piatte con un fatturato in leggero calo.
Questo accade nonostante l’iPhone 11 costi 50 dollari in meno nel mercato americano rispetto all’iPhone XR.

La percentuale di chi vuole cambiare apparecchio rispetto all’anno scorso è passata dal 60% al 51%. Questo si tradurrà secondo Piper Jaffray in un colpo al modello che l’anno scorso si è rivelato essere il best seller di Apple. I grandi volumi dell’apparecchio identico alle versioni più costose per memoria e processore (ma con schermo Lcd e una sola videocamera) hanno infatti segnato gli ultimi dodici mesi di Apple con un forte segnale positivo. L’iPhone 11, su cui Apple fin dalla presentazione a Cupertino ha scommesso molto, potrebbe invece non bissare il successo dell’XR.
Per dare dei numeri, secondo Piper Jaffray quest’anno ci sarà un declino dell’1% nel fatturato iPhone, mentre a partire dalla fine dell’anno prossimo, quando Apple presenterà i telefoni 5G, ci sarà una crescita stimata del 2%.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Aziende

A
apple

Approfondimenti

I
iphone 11

LinkedIn

Twitter

Whatsapp

Facebook

Link

Articolo 1 di 3