Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

STRATEGIE

Microsoft trasforma la storica sede di Redmond, c’è posto per altre 8mila persone

Il colosso del software realizzerà 18 nuovi edifici in un progetto che durerà almeno 5 anni. Il concept guarda al futuro: uffici informali, team divisi per quartiere, campi sportivi e sostenibilità ambientale

29 Nov 2017

Patrizia Licata

giornalista

Microsoft ha presentato il progetto pluriennale con cui darà un nuovo volto, e nuovi spazi, alla sua storica sede di Redmond, nello Stato di Washington. I quartieri generali di Microsoft sono un campus di 500 acri con 125 edifici, ma a partire dal prossimo autunno verrano costruiti altri 18 edifici, saranno rinnovati 6,7 milioni di piedi quadrati di spazi lavorativi e spesi 150 milioni di dollari per realizzare nuovi spazi pubblici, aree verdi e campi sportivi e migliorare le strade e i collegamenti con i mezzi di trasporto pubblici.

Una volta completato il nuovo campus conterà 131 edifici e uffici completamente ristrutturati per i 47.000 dipendenti Microsoft che lavorano a Redmond ogni giorno, più spazi per espandere le attività e accogliere potenzialmente altre 8.000 persone. Il progetto include una piazza di 2 acri capace di contenere 12.000 persone, negozi, piste per correre e campi per giocare a football e cricket perché, scrive Microsoft sul suo blog, l’azienda vuole che i suoi dipendenti, chiamati a creare gli strumenti e i servizi che danno supporto alla produttività di clienti in tutto il mondo, possano godere a loro volta di un ufficio che guarda al futuro.

Un concept innovativo, dunque, per il quale Microsoft si è ispirata agli uffici che ha già realizzato a Vancouver e a Londra e il cui obiettivo è migliorare l’esperienza di lavoro e favorire l’interazione e la creatività in un ambiente non formale, dove ogni “quartiere” coincide con un team. La struttura è pensata per sfruttare l’illuminazione naturale; al suo interno saranno create piste per biciclette e pedoni, mentre le automobili, una volta arrivate al campus, dovranno essere lasciate nei parcheggi. L’azienda continuerà a rimborsare tutti i dipendenti che sceglieranno forme di mobilità sostenibile, dagli autobus al carpooling.

Microsoft non ha svelato la cifra totale del suo investimento, ma lo ha definito “significativo per l’azienda”; il progetto darà lavoro a 2.500 addetti del settore edilizio e sarà completato fra cinque-sette anni.

Il maxi progetto di Redmond segue quello già portato a termine da Apple che ad aprile ha inaugurato il suo nuovo avveniristico campus, l’Apple Park, limitrofo a quello esistente. Intanto un altro colosso tecnologico, Amazon, sta cercando la sede per il nuovo quartier generale: gli uffici storici sono a Seattle, ma il secondo headquarters diverse città si sono messe in lizza, ansiose di ospitare la struttura e riceverne le preziose ricadute economiche. Il sodalizio di Microsoft con Redmond dura dal 1986 e l’azienda fondata da Bill Gates ha ribadito che intende lasciare qui la sua sede centrale: “Siamo orgogliosi di far parte di questa comunità e vogliamo essere un vicino ideale, assicurandoci di gestire tutte le nostre aattività in modo sostenibile”.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Approfondimenti

A
amazon
M
Microsoft
R
Redmond

Articolo 1 di 4