Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

“Non mi stacco mai”: millennials sempre più dipendenti dagli smartphone

I dati del Trend Radar di Samsung: per 7giovani su 10 il telefonino è protagonista dell’outfit. Dimenticarlo a casa provoca ansia, e il trend dell’estate sarà la personalizzazione “estrema”

20 Mag 2019

A. S.

Lo smartphone non è più soltanto un accessorio hi-tech, ma per i millennials è diventato una “estensione di sé”, in grado di raccontare alcuni importanti aspetti della personalità del suo possessore. E’ quanto emerge dal Trend Radar di Samsung, secondo cui per i nati dopo il 2000 ogni scelta che riguarda lo smartphone racchiude in sé significati ben precisi che raccontano lo stile e il modo di vivere dei millennials.

La ricerca, condotta utilizzando la metodologia Woa (Web opinion analysis) su 1.500 giovani tra i 20 e i 35 anni, si concentra sul rapporto dei ragazzi con il telefonino.

Per l’89% degli intervistati lo smartphone è il device più amato, tanto che “Non mi stacco mai!” è un leitmotiv per l’88% del campione, mentre per un intervistato su due dimenticarlo a casa è fonte di ansia. Lo smartphone è infatti considerato dall’83% dei millennials come un compagno di vita insostituibile e dell’81% come uno “scaccia-noia”.

Oltre a consentire di mantenere i contatti con il resto del mondo (92%), lo smartphone è per il 41% un indicatore dello stile di una persona, fino a essere un protagonista dell’outfit (71%). Insomma, un vero e proprio trend setter.

Da qui la passione per la personalizzazione, che parte dallo schermo e prosegue fino alle cover e agli accessori, per coinvolgere anche le suonerie, oltre che la forma e il colore delle icone.

In generale il telefonino è considerato tanto importante da influenzare il giudizio che si ha di una persona: per un giovane su tre marca e modello bastano per farsi un’idea su chi ci sta di fronte. Lo studio rivela infatti che gli appassionati di moda lo scelgono in base all’estetica (29%), i narcisi in base alla facilità di condividere foto e video (25%), chi è molto impegnato sul lavoro lo privilegia orientato al business (24%), i music lovers lo acquistano in base alla qualità del suono (17%).

Tra le attività via smartphone preferite dai millennials ci sono la condivisione di foto e video (82%). Quanto alla scelta, a formarla contribuiscono le esigenze tecnologiche, insieme al confort e al design (45%), le dimensioni e lo spessore dello schermo (33%), il prezzo (28%), e la marca (23%). Ma rimane importante la fiducia nei consigli di amici e famigliari (43%), insieme alle informazioni raccolte dai tech blog online (36%) e dagli influencer sui social network (18%). Tra i servizi aggiuntivi che influenzano l’acquisto ci sono, tra i primi, la possibilità di collegare facilmente lo smartphone a uno schermo esterno (28%), la capacità di memoria superiore alla media (16%) e il risparmio energetico (15%).

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Aziende

S
samsung

Approfondimenti

S
smartphone
T
telefonini

Articolo 1 di 5