Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

TECH ZONE

Pixel 4 di Google “ultrasicuro”: novità in arrivo sul riconoscimento facciale

Lo smartphone, disponibile dal 24 ottobre, può essere sbloccato anche quando l’utente ha gli occhi chiusi, suscitando preoccupazioni per la privacy. In arrivo un aggiornamento che risolverà il problema

22 Ott 2019

D. A.

In arrivo un importante aggiornamento sul sistema di riconoscimento biometrico del nuovo smartphone di Google, il Pixel 4. Il dispositivo, sbloccabile attraverso una tecnologia di facial recognition, aveva causato non poche perplessità nella community degli utenti: il sistema biometrico attualmente in uso, infatti, sblocca il telefono anche se il proprietario ha gli occhi chiusi.

La preoccupazione è che chiunque possa sbloccare il Pixel 4 all’insaputa dell’utente, nel momento in cui il legittimo proprietario del device è addormentato o incosciente o, soprattutto, dopo la morte. Al contrario, per esempio, Face Id di Apple per impostazione predefinita non sblocca l’iPhone a meno che gli occhi del proprietario non siano aperti. Face Id offre un’opzione che consente di sbloccare l’iPhone anche quando gli occhi di un proprietario sono chiusi, ma è vista come la scelta meno sicura.

In una nota, un portavoce di Google ha quindi spiegato che l’azienda “sta lavorando a un’opzione in cui è richiesto che l’utente abbia gli occhi aperti per aprire lo smartphone”. La novità arriverà con un aggiornamento “nei prossimi mesi”, ma “nel frattempo, se i proprietari del Pixel 4 – che sarà disponibile sugli scaffali dei negozi il 24 ottobre – sono preoccupati che qualcuno possa prendere il loro telefono e provare a sbloccarlo mentre hanno gli occhi chiusi, possono attivare un’opzione di sicurezza che richiede un pin o una password per lo sblocco successivo”.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 4