PRIMO PIANO

5G, Di Maio rassicura gli Usa: “In Italia Golden power e Perimetro cibernetico”

In conferenza stampa con il Segretario di Stato Mike Pompeo, il ministro degli Esteri accende i riflettori sul percorso nazionale per “blindare” le reti di quinta generazione mobile

Pubblicato il 02 Ott 2019

dimaio-pompeo

La nuova normativa italiana ci rende uno dei Paesi più avanzati in tema di sicurezza 5G”: il ministro degli Esteri Luigi Di Maio rassicura gli Usa in occasione della visita in Italia del Segretario di Stato americano Mike Pompeo.

“Siamo alleati degli Usa e condividiamo le preoccupazioni, quando ce ne sono, su determinate infrastrutture strategiche del 5G”, ha sottolineato il ministro in conferenza stampa. “Abbiamo creato un Golden power sul 5G e abbiamo appena approvato un decreto legge sulla sicurezza cibernetica – ha puntualizzato Di Maio – E abbiamo un comitato che verificherà la corretta funzionalità dei sistemi che riguarderanno infrastrutture strategiche”.

Perimetro cibernetico, via alle audizioni

Riguardo al decreto legge sul Perimetro cibernetico, domani 3 ottobre, inizieranno le audizioni alle Commissioni Affari Costituzionali e Trasporti della Camera, dopo il via libera al provvedimento, lo scorso 19 settembre da parte del Consiglio dei ministri. Il decreto inizia dunque il suo “iter”: 4 mesi per individuare i soggetti “a rischio” – ossia quelli pubblici e privati che dovranno essere monitorati – e 10 mesi per definire le procedure che i soggetti in questione dovranno rispettare per notificare gli incidenti che hanno impatto su reti, sistemi e servizi.

WHITEPAPER
Una semplice guida pratica per imparare ad usare una Virtual Private Network
Software Defined Networking
Software Defined Datacenter

Il dossier 5G nell’articolo 3

Sul fronte telecomunicazioni il “dossier” più importante sul piatto è quello del 5G: l’articolo 3 del decreto è specificamente dedicato alla messa in sicurezza delle reti di quinta generazione mobile per le quali è stato già disposto che anche nel caso dei contratti già approvati, sarà possibile modificare o integrare le misure – in caso di necessità – prescrivendo la sostituzione di apparati e prodotti “che risultano gravemente inadeguati sul piano della sicurezza”.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Valuta la qualità di questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Articolo 1 di 5