SCENARI

5G, per Roma tesoretto da 30 miliardi. A patto che vada tutto liscio

Secondo le stime di uno studio Luiss Business School-Unindustria per la capitale si aprono opportunità enormi di qui ai prossimi 5 anni. Ma bisognerà abbattere la burocrazia. Asse pubblico-privato la chiave di volta. Al via la piattaforma “Alleanza 5G”

14 Feb 2020

Mila Fiordalisi

Direttore

30 miliardi di euro in 5 anni: a tanto è stimato il giro d’affari che il 5G potrebbe mettere in moto nella sola città di Roma. La stima è stata messa nero su bianco nello studio “Roma 5G: veloce, sicura, pulita” a firma di Luiss Business School e Unindustria. In dettaglio sono calcolati in 13 miliardi l’incidenza diretta sul Pil capitolino legata agli investimenti in nuove reti e applicazioni da parte delle società di Tlc, in 5 miliardi la produttività aggiuntiva, in 10 miliardi gli effetti sull’indotto e in 2 miliardi le ricadute positive indirette.

Il tutto però a patto che tutto vada liscio, ossia che non si incontrino ostacoli rilevanti sul cammino. Un’ipotesi che aleggia sul cammino del 5G romano ma non solo: “Lo studio evidenzia le criticità che potrebbero portare a un rallentamento dello sviluppo della nuova rete e, conseguentemente, dei nuovi servizi, prima fra tutte la complessità delle autorizzazioni e la sovrapposizione delle regolamentazioni: è quindi necessaria una forte collaborazione fra pubblico e privato, per accelerare il più possibile e non perdere le opportunità di questa vera rivoluzione tecnologica”, sottolinea Paolo Boccardelli, direttore della Luiss Business School pur evidenziando che “il 5G rappresenta una formidabile occasione di sviluppo per Roma e, quindi, per il Paese tutto”. Anche secondo Francesco D’Angelo, Presidente della Sezione Comunicazioni di Unindustria “la realizzazione dell’infrastruttura 5G è fondamentale per la competitività della città di Roma Capitale” e pertanto “occorre uno sforzo comune da parte di tutti gli attori in gioco – pubblica amministrazione, operatori di telecomunicazioni, imprese – per individuare un percorso condiviso che porti alla realizzazione delle infrastrutture necessarie utili a cogliere le opportunità che l’innovazione nella connettività 5G può offrire”. “È necessario dunque – conclude D’Angelo – delineare insieme al Comune, e agli operatori coinvolti, delle proposte di intervento condivise per dotare Roma di una infrastruttura strategica per il suo futuro e per renderla pienamente digitalizzata.”

Oltre agli auspici lo studio suggerisce alcune azioni da mettere in campo per accelerare la roadmap. Primo: dare vita a un Tavolo di lavoro congiunto per allineare tutti i soggetti coinvolti, in particolare telco e pubblica amministrazione sulle attività e sulle eventuali criticità in corso d’opera. Lo studio suggerisce anche la raccolta delle best practice nel settore della telefonia mobile in un documento a servizio dell’ecosistema. L’individuazione condivisa delle aree per il deployment delle reti un altro punto determinante per evitare impasse. Un’azione che va accompagnata con la semplificazione dei processi autorizzativi e ad un upgrade regolatorio che chiarisca natura e caratteristiche dei siti sensibili.

16 LUGLIO ore 17.00
TELCO PER L'ITALIA: Next generation network, fra Intelligenza Artificiale e Machine Learning
Telco
Banda larga

E per dare il proprio contributo fattivo Luiss Business School e la società di consulenza Ptsclas hanno tenuto a battesimo “Alleanza 5G”, struttura permanente e piattaforma informativa dedicate all’analisi e al monitoraggio dello sviluppo del mercato del 5G. Tra le finalità dell’iniziativa la promozione e realizzazione di attività di analisi e ricerca sui diversi fattori abilitanti lo sviluppo del mercato 5G – dagli scenari tecnologici all’incontro tra domanda e offerta, fino allo sviluppo di un ecosistema applicativo innovativo e al contesto normativo e regolamentare. I risultati delle analisi saranno illustrati – ha annunciato la Luiss Business School – attraverso position paper e report. E il progetto ambisce a di diventare la piattaforma per lo studio dei processi di diffusione delle applicazioni innovative (use cases) abilitate dal 5G nei diversi ambiti verticali.

LE SLIDE DELLA PRESENTAZIONE

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Personaggi

P
paolo boccardelli

Aziende

L
luiss business school
U
unindustria

Approfondimenti

5
5g
5
5g roma

Articolo 1 di 2