5G, Tim esclude Huawei anche dalla rete Ran - CorCom

BANDA ULTRALARGA MOBILE

5G, Tim esclude Huawei anche dalla rete Ran

Dopo il mancato invito a partecipare alla gara per la core network, rescisso il contratto sottoscritto un anno fa per la Radio Access Network. La realizzazione della rete a Ericsson (60%) e Nokia (40%)

29 Apr 2021

Mila Fiordalisi

Direttore

Saranno Ericsson e Nokia i fornitori della Ran (Radio Access Network) 5G di Tim. Huawei che era in corsa per la realizzazione di questa porzione di rete è stata dunque esclusa. È quanto riferisce il Sole 24Ore. Al vendor cinese sarebbe stata inviata una lettera di disdetta di un contratto sottoscritto nel 2020 che a questo punto mette la parola fine alla partecipazione dell’azienda alla partita 5G in casa Tim.

A luglio 2020 infatti Huawei era stata già esclusa dalla procedura per manifestazione di interesse relativa alla gara per la Core Network che sarà aggiudicata entro il prossimo mese di giugno.

Ericsson, Nokia, Cisco, Mavenir e Affirmed Networks le quattro aziende coinvolte nella gara relativa anche alla rete di quinta generazione mobile in Brasile. Conclusa a dicembre 2020 l’analisi tecnica ora si lavora sugli aspetti economici.

La gara in questione riguarda la porzione più importante della Core Network, quella che consente la transizione della rete 4G al nuovo standard mobile ossia alla cosiddetta modalità “standalone” in cui il 5G non si appoggerà più al precedente standard. E si tratta dell’ultimo “step” della transizione: le reti 5G, a livello mondiale, sono state accese  e continuano ad essere attivate facendo leva prevalentemente sulle infrastrutture di quarta generazione mobile e si procede con l’infrastrutturazione andando avanti con il modello “ibrido” non standalone.

Tornando alla realizzazione della rete Ran, il 40% – che secondo lo schema iniziale avrebbe dovuto essere affidato a Huawei – passa nelle mani di Nokia. A Ericsson la porzione più consistente: il 60%.

Il 5G alla prova dei fatti, ne parliamo a Telco per l’Italia 2021

CLICCARE QUI PER LA REGISTRAZIONE

La quinta generazione mobile una rivoluzione senza precedenti: dal manufacturing alla sanità, dai trasporti alla cultura, tutto è destinato a cambiare. Ma il cantiere Italia procede al ralenti: come accelerare? Vi aspettiamo il 13 maggio alle 17.00

17.00 Mila Fiordalisi, Direttore CorCom

17.05 Alessandro Gropelli, General Director of Strategy & Communications Etno

17.15 Dibattito con il player di mercatoModera il direttore di CorCom Mila Fiordalis

Sabrina Baggioni, Direttore programma 5G Vodafone Italia

Alessio De Sio, Chief Institutional and Communication Officer Zte Italia

Riccardo Mascolo, Direttore Strategia e 5G per le industrie Ericsson Italia

Massimo Mazzocchini, Deputy General Manager Huawei Italia

Luca Monti, 5G & Iot Project Director WindTre

Alessio Murroni, VP Sales Europe Cambium Networks

Claudio Santoianni, Marketing & Corporate Affairs Nokia Italia

18.15 Laura Di Raimondo, Direttore Asstel

18.30 – Dibattito con i politiciModera il direttore di CorCom Mila Fiordalisi

Enza Bruno Bossio, Deputata Partito Democratico, Commissione trasporti e Tlc Camera

Massimiliano Capitanio, Deputato Lega, Commissione Trasporti e Tlc Camera

Maurizio Gasparri, Senatore Forza Italia

Mirella Liuzzi, Deputata Movimento 5Stelle, Commissione Trasporti e Tlc Camera

Federico Mollicone, Deputato e Responsabile Innovazione Fratelli d’Italia

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Aziende

E
ericsson
H
Huawei
N
Nokia
T
tim

Approfondimenti

5
5g