Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

FREQUENZE

5G, via alla maxi asta tedesca. La new entry Drillisch spariglia le carte

Prima giornata di rilanci per la gara da cui il Governo punta a ricavare 3-5 miliardi. A sorpresa il super-rilancio dell’operatore virtuale guidato dal magnate Ralph Dommermuth. La mossa dei regolatori per non escludere Huawei dalla fornitura di apparecchiature

19 Mar 2019

L. O.

Si apre con i fuochi d’artificio la tormentata asta 5G in Germania, che vede in palio 41 blocchi di frequenze (bande da 2 GHz e 3,6 GHz) da assegnare ai quattro operatori in corsa: Deutsche Telekom, Vodafone, Telefonica e la new entry Drillisch. Il governo punta a  raccogliere tra i 3 e i 5 miliardi di euro. E proprio Drillisch ha spiazzato la prima giornata di rilanci offrendo oltre 20 milioni di euro per 10 dei 41 blocchi di spettro offerti.

L’asta tedesca 5G arriva dopo mesi di incertezza. La scorsa settimana un tribunale ha respinto le cause intentate dagli operatori Tlc secondo cui il requisito richiesto dal governo di copertura ad alta velocità al 98% delle famiglie tedesche entro il 2022 era troppo impegnativo.

Non solo: le autorità di regolamentazione hanno anche dovuto chiarire le regole sulle apparecchiature di rete in seguito alla pressione degli Stati Uniti per vietare le tecnologie Huawei della Cina per motivi di sicurezza nazionale. La Germania ha deciso invece di imporre requisiti più severi a tutti i fornitori di hardware.

Drillisch, gestito dal magnate Ralph Dommermuth, è in corsa per diventare il quarto operatore nella più grande economia europea, una mossa che potrebbe avvantaggiare i consumatori ma fare pressione sui margini degli altri tre operatori.

L’asta, che si è svolta in un’ex caserma dell’esercito nella città sud-occidentale di Magonza, ha totalizzato all’ora di pranzo 314 milioni di euro.

Al contrario di Drillisch, i tre operatori esistenti – Deutsche Telekom, Vodafone e Telefonica Deutschland – hanno presentato solo offerte minime di apertura per i blocchi a cui sono interessati.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 3