Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

FREQUENZE

5G, via alle aste spagnole. Con il primo round incasso previsto di 100 milioni

La gara, programmata per metà luglio, metterà in palio 200 Mhz nella banda 3,6-3,8Ghz. Ogni operatore potrà ottenere non più di 120 Mhz. Si attendono forti rilanci

28 Mag 2018

5G, anche la Spagna dà il via alle aste per le frequenze. Lo annuncia il ministero di Energia, Turismo e Digital Agenda comunicando che la gara per 200 Mhz di spettro radio nella banda 3,6-3,8Ghz avrà luogo a metà luglio.

Vengono resi disponibili 40 blocchi ognuno da 5 Mhz al prezzo minimo di 2,5 milioni l’uno: significa che il governo punta a incassare almeno 100 milioni per i 200 Mhz complessivi. Il cap è di 120 Mhz. Gli operatori hanno tempo fino al 29 giugno per iscriversi all’asta che prevede concessioni di 20 anni per 24 blocchi da 5 Mhz al massimo.

La banda 3,4-3,8 Ghz è considerata dall’Europa una “banda pioniera”, indispensabile per raggiungere velocità elevate nelle aree urbane grazie all’utilizzo di small cell.

Il ministro ha anche annunciato che l’asta per le altre bande 5G saranno effettuate seondo i criteri previsti dal piano nazionale 5G che include le bande 700 Mhz, 1,5 Ghz e  2,6 Ghz.

Altri 200 Mhz nella banda 3,4-3,8 GHz sono stati assegnati a marzo 2016 a quattro operatori (Telefonica, Orange, Eurona e Iberfibra, ex NeoSky) e al ministero della difesa spagnolo.

Ma anche l’asta produrrà, nelle intenzioni del governo, un gettito alto: sia grazie ai blocchi “maxi”, sia grazie alla mossa sulle fee che attribuisce maggior valore alle frequenze. Gli operatori mobili saranno infatti costretti a offerte aggressive per la banda 3.6-3.8 GHz, in particolare Vodafone (unico grande carrier privo di frequenze nella porzione 3,4-3,8 GHz). Come scrive El País, se Telefonica e Orange, che hanno già 40 Mhz ciascuno, decidessero di fare offerte per gli altri 80 Mhz a cui hanno diritto (ricordiamo che il tetto è di 120 Mhz), costringeranno le società come Vodafone o MásMóvil ad aumentare considerevolmente l’offerta per non esser lasciate fuori.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Approfondimenti

5
5g
A
asta
S
spagna

Articolo 1 di 5