Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

LA PARTNERSHIP

Cloud ultra-veloce con il 5G: alleanza Amazon-Verizon

Il servizio WaveLenght riesce quasi ad azzerare la latenza delle connessioni portando i device sull’edge, molto vicino alla parte centrale della rete che si interconnette con i datacenter. Ecco come funziona

06 Dic 2019

Antonio Dini

Accelerare il 5G. Questo è l’obiettivo della partnership fra Amazon, cioè la sua divisione cloud AWS che sta concludendo a Las Vegas il suo evento annuale “Reinvent”, e l’operatore di telefonia Verizon.
L’obiettivo è aiutare le aziende a scaricare i dati dal cloud più velocemente. Il servizio si chiama WaveLenght e posiziona la tecnologia di AWS “sul bordo delle reti 5G”, o ancora più vicino agli apparecchi degli utenti. Il potenziale è quello di riuscire ad azzerare o quasi la latenza delle connessioni per gli utenti, portandola a valori limitatissimi in millisecondi.
Il lancio di WaveLenght è stato coordinato da Andy Jassy, Ceo di AWS, assieme a Verizon, ed incorporerà la tecnologia nella rete dell’operatore. Amazon però è al lavoro anche con altri partner globali come Vodafone, KDDI e SK Telecom.
Una latenza ridotta porta numerosi benefici ed è uno dei punti centrali delle nuove reti 5G. La latenza molto ridotta ad esempio riduce anche il tempo di comunicazione tra gli apparecchi per svariati tipi di utilizzi, a partire dagli streaming video. Secondo gli analisti il 5G ha grandi potenzialità per quanto riguarda molte applicazioni di attività business to business, come ad esempio connettività della Internet of Things nel settore manifatturiero, delle auto che si guidano da sole, della salute e in altre aree, oltre ad applicazioni nel mercato consumer.

La soluzione proposta da AWS permette di accelerare le funzioni di calcolo, archiviazione, database e strumenti analitici che sono portati sugli apparecchi nell’edge, cioè al “bordo” della parte centrale della rete dove sono presenti i grandi datacenter.
Assieme a WaveLenght Amazon ha presentato anche Local Zone, un nuovo insieme di strutture per il cloud che porta i datacenter più vicini ai clienti. Anziché connettere gli apparecchi dei clienti aziendali alla regione geografica dove sono collocati i datacenter di AWS, infatti, adesso vengono creati anche dei datacenter più piccoli nelle principali aree metropolitane (la prima è Los Angeles) che permettono di ampliare l’offerta riducendo i tempi di attesa.

Local Zones utilizza gli apparecchi del servizio Outpost di AWS, che sono stati presentati l’anno scorso. Gli apparecchi Outpost vengono commercializzati da Amazon per portare le funzionalità del cloud di AWS all’interno dei datacenter delle aziende. Gli stessi apparecchi adesso vengono utilizzati per creare dei datacenter “leggeri” nelle differenti aree metropolitane.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Aziende

A
amazon
A
aws
V
verizon

Approfondimenti

5
5g
E
edge computing

Articolo 1 di 5