Ericsson batte le attese: utili in volata. Traina il lancio del 5G in Cina - CorCom

LA TRIMESTRALE

Ericsson batte le attese: utili in volata. Traina il lancio del 5G in Cina

L’azienda si è aggiudicata contratti con le tre telco del Paese asiatico, l’unica europea a fare il “pieno”. Il ceo Borje Ekholm: “Nessun impatto significativo dalla pandemia”

21 Ott 2020

Domenico Aliperto

Nel trimestre che si è chiuso a settembre Ericsson fa registrare utili superiori alle stime di mercato. Grazie a margini più elevati e al lancio del 5G in Cina, lo specialista delle soluzioni di network si è detto “più fiducioso” nel raggiungimento degli obiettivi del 2020.

Il numero di contratti 5G attivati da Ericsson è arrivato infatti a 112: sempre più operatori di telecomunicazioni stanno costruendo reti di nuova generazione in un contesto in cui la pressione diplomatica degli Stati Uniti sta allontanando il leader di mercato Huawei da molti Paesi occidentali. Ecco perché le vendite sul fronte delle reti sono aumentate del 6% su base annua, con un aumento del 13% corretto per unità e valuta comparabili.

I risultati del trimestre nel dettaglio

Gli utili operativi rettificati del terzo trimestre sono saliti a 9 miliardi di corone svedesi (970 milioni di euro) dai 6,5 miliardi di un anno fa, andando ben oltre la previsione media di 6,98 miliardi di corone. Il fatturato totale è aumentato dell’1% a 57,5 miliardi di corone (5,5 miliardi di euro). Il margine lordo del gruppo, esclusi gli oneri di ristrutturazione, è salito al 43,2% nel terzo trimestre dal 37,8% dello stesso periodo di un anno fa.

I servizi digitali hanno continuato a fare buoni progressi nell’esecuzione del piano di turnaround, trasformando il business e aumentando le vendite di software. Il margine lordo è migliorato al 43,5%, supportato dall’aumento delle vendite di software e dal miglioramento dell’attività sottostante. Il portafoglio core 5G cloud-native mostra uno slancio molto positivo con un numero significativo di nuovi contratti con i clienti. Aumentano selettivamente gli investimenti in ricerca e sviluppo per cogliere le opportunità di mercato. Tuttavia, le vendite nel portafoglio legacy stanno diminuendo più rapidamente di quanto previsto in precedenza. “A breve termine”, comunica Ericsson, “questo deficit non sarà compensato dalla crescita di nuove offerte e quindi il nostro volume di vendite è inferiore alle attese. Con vendite più deboli in combinazione con maggiori investimenti in ricerca e sviluppo, c’è il rischio di un ulteriore ritardo nel raggiungimento dell’obiettivo di margine operativo del 2020 per i servizi digitali”.

webinar -16 dicembre
5G e connettività a banda ultralarga: la priorità, anche dopo l'emergenza
Networking
Telco

I servizi gestiti hanno generato un margine lordo del 20,1%. Il margine operativo mobile è del 7,4%. Le vendite sono diminuite principalmente a causa del consolidamento dell’operatore statunitense. “Ci aspettiamo che i nostri investimenti nell’automazione e nell’intelligenza artificiale creino opportunità di business future, che dovrebbero migliorare gradualmente il profilo del margine man mano che questo nuovo portafoglio cresce”, dice Ericsson.

La divisione Emerging Business and Other ha riportato un margine lordo del 30,5%. Le vendite della piattaforma IoT sono aumentate di oltre il 40% nonostante l’impatto sulla domanda di Covid-19. Nel trimestre sono stati infine annunciati i piani per l’acquisizione di Cradlepoint, che rafforzerà la capacità del gruppo di crescere nel mercato aziendale 5G insieme alle reti dedicate esistenti e al portafoglio IoT.

I possibili scenari futuri sul fronte del 5G cinese

“Sebbene la pandemia abbia danneggiato i ricavi di molti dei nostri clienti, e in alcuni casi ciò ha portato a una riduzione degli investimenti, non abbiamo riscontrato alcun impatto negativo sulla nostra attività, in gran parte a causa dei guadagni di impronta”, ha dichiarato l’amministratore delegato Borje Ekholm in una nota.

Ericsson ha confermato che i contratti in Cina si sono sviluppati secondo i piani, contribuendo ai profitti nel terzo trimestre e dovrebbero migliorare ulteriormente. A differenza del suo rivale nordico Nokia, Ericsson ha vinto contratti presso tutti e tre i principali operatori cinesi per la fornitura di apparecchiature radio per le reti 5G.”Il lancio del 5G in Cina è stato il fattore determinante in questo trimestre“, ha aggiunto parlando con Reuters il Cfo Carl Mellander, che però ha preferito il no comment sul rischio di una ritorsione del governo cinese di fronte a nuove estromissioni di Huawei e Zte nei mercati europei. L’autorità di regolamentazione cinese delle telecomunicazioni ha infatti emesso martedì un avviso chiedendo il rafforzamento della supervisione delle società di telecomunicazioni a investimento straniero nel paese. “In generale crediamo nella libera concorrenza”, si è limitato a dire Mellander.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Aziende

E
ericsson

Approfondimenti

5
5g
Q
quarter
R
risultati
T
trimestrale

Articolo 1 di 3