Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

NUOVO CODICE TLC

Frequenze al top dell’agenda dei ministri Ue

Il coordinamento dello spettro radio fa la parte del leone al prossimo vertice sul nuovo Codice delle comunicazioni elettroniche. Il vp al Digital Single Market Andrus Ansip: “Senza coordinamento a rischio tempestività europea sul 5G”

01 Dic 2017

Le frequenze sono al top dell’agenda di lunedì prossimo dei ministri europei per i Trasporti, Tlc e energia riuniti intorno a dossier chiave per il digitale e le telecomunicazioni. Presenti sia il vp per il Mercato unico digitale Andrus Ansip e la Commissaria per l’Economia e la società digitali Mariya Gabriel: da loro l’invito a progredire con alcune normative essenziali: il codice europeo delle comunicazioni elettroniche e il coordinamento dello spettro.

“Senza coordinamento dello spettro saremo in ritardo nel dispiegamento del 5G – dice Ansip – e nella realizzazione di soluzioni IoT (Internet delle cose). Per questo mi compiaccio degli inviti dei leader dell’UE ad approvare il nuovo codice delle telecomunicazioni il prima possibile. Non possiamo permetterci di perdere ulteriore tempo”.

Secondo la Commissaria Gabriel “la connettività ad alta velocità e un buon coordinamento dello spettro costituiscono la spina dorsale del mercato unico digitale. L’Europa ha molto da guadagnare dalle nuove norme in materia di telecomunicazioni. I vantaggi diretti vanno dalla crescita economica al miglioramento dell’assistenza sanitaria ad un consumo intelligente dell’energia basato sulle esigenze effettive”.

Nonostante una direttiva Ue stabilisca per il 2020 la dead line per il rilascio della banda 700 Mhz la Commissione Ue ritiene che per lo sviluppo del 5G sia necessario anche altro spettro. L’autonomia degli Stati nella gestione delle frequenze confligge con la necessità di un roll out armonizzato dei servizi 5G.

Gli altri temi sul tavolo della riunione del Consiglio saranno: il libero flusso dei dati non personali, la futura politica di investimenti nella digitalizzazione dopo il 2020 e la relazione sullo stato di avanzamento del progetto di norme sull’e-Privacy. Il Consiglio adotterà anche un orientamento generale sul regolamento Berec che rafforzerà il coordinamento delle comunicazioni elettroniche a livello di UE.

I ministri saranno inoltre aggiornati sulle conclusioni e il piano d’azione sulla sicurezza informatica del Consiglio (per maggiori informazioni sulla sicurezza informatica) e la futura presidenza bulgara presenterà il suo programma di lavoro. Maggiori informazioni sul coordinamento dello spettro sono disponibili nelle schede informative sullo spettro e la connettività. Una panoramica del mercato unico digitale è disponibile nella scheda informativa sullo stato di avanzamento dei lavori.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Approfondimenti

5
5g