Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

INNOVAZIONE

Nasce LinkemLab, il programma per le startup del 5G

L’obiettivo è abilitare la trasformazione digitale in Italia con investimenti in Pmi e startup innovative, partenariati pubblico-privati e un modello di Open innovation. Già investiti 300.000 euro in Idroplan, soluzione di Farm Technologies per l’agricoltura smart

20 Nov 2019

Patrizia Licata

giornalista

Linkem, l’operatore 5G che eroga servizi Internet a banda ultralarga senza fili Fwa, ha lanciato oggi il suo programma di trasformazione digitale LinkemLab, con l’obiettivo di abilitare la trasformazione digitale della Pubblica amministrazione e del paese attraverso la transizione tecnologica e lo sviluppo delle numerose applicazioni verticali del 5G.

Il LinkemLab opera tramite investimenti mirati in Pmi e startup innovative e punta allo sviluppo di partenariati pubblico-privati. Sarà guidato da Daniele Righi, già Responsabile della Direzione business and open innovation di Linkem.

Primo investimento nell’agricoltura smart

Il primo progetto di investimento firmato da Linkem nell’ambito del LinkemLAB è Idroplan, l’agronomo digitale sviluppato da Farm Technologies, startup innovativa del settore Smart agricolture, in cui Linkem ha investito 300.000 euro per sviluppare soluzioni innovative che saranno dal 5G.

Idroplan ha l’obiettivo di accelerare l’innovazione nell’agricoltura di precisione, aumentando il livello di qualità e sostenibilità delle colture e dei prodotti agroalimentari e vinicoli commercializzati agli utenti finali, nonché rendendo più efficiente l’impiego di acqua irrigua, trattamenti e fertilizzanti. Grazie ai dati raccolti dal campo e ai propri modelli sviluppati, Idroplan fornisce un supporto agronomico ai tecnici e agli agricoltori in base agli obiettivi di produzione da raggiungere e modulabili sulla base delle specifiche esigenze di business. Nel corso delle stagioni 2018 e 2019, grazie all’utilizzo di Idroplan, nelle aziende clienti si è raggiunto in media oltre il 40% di acqua risparmiata, pari a circa 20.000 m3 per anno, equivalenti a un consumo annuo di 220 persone.

Lo spirito della “Company as a service”

“Siamo particolarmente orgogliosi che il primo investimento di Linkem nell’ambito dello sviluppo dei verticali del 5G sia quello fatto su Idroplan, una soluzione tecnologicamente avanzata che aiuterà piccole e grandi imprese agricole e vitivinicole italiane ad attuare la trasformazione digitale, innovando così i territori e aumentando la qualità dei prodotti”, dichiara Davide Rota, presidente e Ad di Linkem, “Questo progetto incarna lo spirito del LinkemLAB di company as a service”.

Matteo Cunial, Amministratore delegato di Farm Technologies afferma: “Idroplan nasce da una profonda conoscenza della tradizione imprenditoriale italiana in agricoltura e dal connubio con le nuove tecnologie in grado di abilitare soluzioni di precisione nel settore. La collaborazione con Linkem è l’esempio che l’intelligenza italiana è in grado di rispondere ai bisogni emergenti con soluzioni ad alto contenuto innovativo”.

Modello Open innovation

LinkemLab supporterà Farm Technologies nello sviluppo di soluzioni innovative per le aziende agricole, sfruttando le risorse di rete di nuova generazione e applicazioni verticali. Linkem fornirà alla startup anche i propri asset materiali e immateriali quali la rete Fwa (Fixed wireless access) e 5G, customer care, rete di vendita, rete di istallatori sul territorio nazionale, nonché le consulenze e l’esperienza dei top manager dell’azienda.

Il modello di open innovation adottato da Linkem si basa infatti sul fornire a terzi la propria infrastruttura, per abilitare lo sviluppo dei servizi IoT e smart city, il proprio know-how tecnologico e gli asset aziendali.

Linkem, attraverso LinkemLab, si propone di creare un vero e proprio laboratorio di cui potrà beneficiare l’intero ecosistema, grazie anche al modello di collaborazione aperta con centri di ricerca, università italiane ed enti che contribuiranno ad intercettare bisogni concreti e supporteranno il design delle soluzioni applicative.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 5