Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

SMART CITY

Roma 5G, Atac entra nel progetto: prove di smart mobility

L’azienda di trasporto pubblico della Capitale collaborerà al progetto con il Comune, Ericsson e Fastweb. Paolo Simioni: “Vogliamo sfruttare a pieno le opportunità offerte dal digitale: benefici per l’azienda ma anche per i nostri clienti”

30 Ago 2018

A. S.

Nel progetto Roma 5G entra anche Atac, l’azienda per la mobilità di Roma Capitale: “Con la firma del protocollo d’intesa si rafforza ulteriormente la partnership finalizzata allo sviluppo e alla sperimentazione di servizi innovativi basati su reti Wi-Fi e 5G in alcune aree del territorio urbano – si legge in una nota della società – al fine di accelerare il processo di trasformazione della città di Roma in una smart city in grado di migliorare significativamente la vivibilità e sostenere il rilancio produttivo del territorio”.

Il progetto Roma 5G, nato dalla collaborazione con Ericsson e Fastweb, era stato presentato per la prima volta a settembre 2017 dall’amministrazione capitolina: Fastweb ed Ericsson realizzeranno le infrastrutture di rete necessarie per lo sviluppo dei nuovi servizi digitali abilitati dal 5G, in sinergia con la piattaforma Wi Fi già diffusa e attiva in città, mentre Atac metterà a disposizione le proprie infrastrutture civili strategiche come i capolinea e le paline e i cavidotti per il passaggio della fibra ottica per supportare la copertura capillare del segnale e la diffusione dei nuovi servizi basati sul 5G sia in ambienti indoor che outdoor. L’obiettivo è ora, grazie alla partecipazione di Atac, di sviluppare nei prossimi mesi sperimentazioni, limitate ad alcune aree della città, riguardanti la Sicurezza pubblica e la Mobilità urbana.

“Partecipiamo con molto interesse allo sviluppo di tecnologie in 5G finalizzate alla sperimentazione di servizi per la mobilità – afferma Paolo Simioni, presidente di Atac –  Siamo convinti infatti, in linea con la trasformazione digitale dell’azienda prevista nel nostro piano industriale, che dobbiamo sfruttare pienamente le opportunità offerte dal digitale. Vale per i servizi commerciali, per quelli legati alla produzione, così come per i servizi di informazione all’utenza. Le reti 5G offrono enormi potenzialità. Contribuire sin dall’inizio a questa rivoluzione significa per Atac parteciparvi da protagonista, con benefici evidenti non solo per l’azienda, ma anche per i nostri clienti e quindi per la città”.

“Con il progetto #Roma5G l’Amministrazione capitolina è in prima linea nella sperimentazione delle reti mobili di quinta generazione con il duplice obiettivo di ampliare l’offerta di servizi per cittadini e imprese e di attrarre investimenti sul territorio – aggiunge Flavia Marzano, assessore a Roma Semplice – L’adesione di Atac al protocollo d’intesa arricchisce il progetto di un attore prezioso dal momento che la mobilità urbana rappresenta uno degli ambiti di applicazione scelti per sperimentare soluzioni innovative basate sulle nuove infrastrutture tecnologiche”.

“La sperimentazione del 5G sui mezzi Atac rappresenta un servizio in più per chiunque utilizzi il trasporto pubblico locale a Roma. Anche questo protocollo è frutto del lavoro messo in atto dall’Assessorato alla città in Movimento in sinergia con l’azienda dei trasporti della Capitale – spiega Linda Meleo, Assessora alla Città in Movimento – La rivoluzione dei trasporti passa anche per l’innovazione e grazie allo sviluppo di questa tecnologia diamo più scelta e opportunità ai cittadini e turisti di Roma”.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 5