Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

A Cisco Italia il Transatlantic Award

La società è stata premiata dall’American Chamber of Commerce per l’impegno a sostegno delle relazioni tra gli Usa e il nostro Paese. L’Ad Bevilacqua: “Favorire l’innnovazione fa parte del nostro Dna”

29 Nov 2011

La filiale italiana della multinazionale Cisco, che opera in Italia
dal 1994, è stata premiata con un riconoscimento speciale ai
Transatlantic Award dell’American Chamber of Commerce in Italy.
Questi premi vengono assegnati sia alle aziende italiane sia a
quelle statunitensi, che si siano distinte nel favorire le
relazione transatlantiche tra le due nazioni e quest'anno il
tema scelto per la sesta edizione, è Digital World, a evidenziare
la spinta che la digital economy può dare alla crescita.

I laboratori della Cisco lavorano a stretto contatto con
università e centri di eccellenza italiani cooperando sia in modo
diretto sulla realizzazione di progetti di ricerca, sia attraverso
sponsorizzazioni di progetti di ricerca di base orientata.

Il premio dell’American Chamber of Commerce in Italy è stato
ritirato da David Bevilacqua, Amministratore Delegato di Cisco
Italia, Vice President Cisco Corporate. “Favorire l’innovazione
tecnologica dei paesi in cui l’azienda è presente fa parte da
sempre del Dna di Cisco – ha commentato il manager – Individuare e
valorizzare le potenzialità specifiche che ogni territorio può
offrire fa certamente bene al business; è anche uno dei modi per
restituire alle comunità in cui operiamo opportunità di sviluppo,
facendo leva sulla nostra posizione di leadership nel settore delle
reti – oggi crocevia di tutti i percorsi di rinnovamento
economico e sociale. Operare in questo modo è una scelta
strategica, e ringraziamo Amcham per aver riconosciuto la
continuità e la validità del nostro impegno. Pensare che quando
un cliente nel mondo sceglie un prodotto Cisco per realizzare le
proprie infrastrutture di nuova generazione stia in realtà
acquistando del “know-how” tutto italiano, che nasce a pochi
chilometri da Milano, ci riempie di orgoglio”.