Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Akhavan (DT): “Il nostro obiettivo? La connected life”

Il Coo di Deusche Telekom spiega le strategie per l’innovazione: digitalizzazione dei media, Internet mobile e comunicazione iper personalizzata i “pilastri” del new business

29 Ott 2009

L’innovazione resta la priorità per Deutsche Telekom, decisa a
procedere sulla strada di una crescita sostenuta grazie
all’offerta di nuove tecnologie, prodotti e servizi. E’ quanto
affermato in occasione del 3rd Innovation Day dal Coo Hamid Akhavan
di fronte a 450 rappresentanti internazionali del mondo della
ricerca e dell’industria. Akhavan ha spiegato come il colosso
tedesco punti sull’innovazione per realizzare la sua vision di
diventare il leader globale della “connected life and work”, un
mondo sempre in Rete, che sia a casa o al lavoro. "La nostra
industria è guidata da tre macro-trend: la digitalizzazione di
tutti i media, Internet mobile e la personalizzazione della
comunicazione. Deutsche Telekom cerca con nuovi prodotti, offerte e
servizi di soddisfare le richieste dei consumatori di disporre di
accesso facile e intuitivo ai contenuti digitali sempre e
ovunque”, ha dichiarato Akhavan, membro del cda e responsabile
anche della divisione Products & innovation and technology di
Deutsche Telekom.

L’azienda punta anche a espandere le sue reti per essere pronta
alle sfide del futuro, in particolare per offrire più banda e
raggiungere ampie fasce di consumatori. “Un’infrastruttura
moderna è fondamentale per erogare nuovi servizi e garantire
l’esperienza digitale che i consumatori si aspettano. Il nostro
obiettivo è fornire la miglior user experience possibile!",
ha detto Akhavan. Proprio per produrre continua innovazione nelle
reti e nei servizi, Deutsche Telekom ha creato nel 2004 i Deutsche
Telekom Laboratories nella forma di istituto scientifico privato
affiliato alla Berlin Technical University. Oggi vi lavorano 300
scienziati e ricercatori e si sono aggiunte collaborazioni con
altre università (da Israele alla SiliconValley).

"Con i T-Labs, per la prima volta abbiamo messo in
collegamento le più recenti scoperte sceintifiche con lo sviluppo
application-based. Il modello è la partnership tra istituzioni
accademiche, reti e aziende. E’ una combinazione vincente di
innovazione aperta e mentalità imprenditoriale, che permette a
Deutsche Telekom di esplorare sempre nuovi segmenti di crescita”,
ha sottolineato Christopher Schläffer, Chief product & innovation
officer di Deutsche Telekom. I T-Labs si sono già costruiti una
solida reputazione nella comunità scientifica e nell’industria.
Per il colosso tedesco sono un indispensabile driver di
innovazione: ogni giorno vengono realizzati studi e ogni settimana
presentate richieste di brevetti. I settori di ricerca dei T-Labs
spaziano dalla progettazione di servizi innovativi centralizzati
sull’utente, a nuove architetture di rete, fino a tecnologie
innovative come l’Lte-Advanced, il futuro della comunicazione
mobile. I T-Labs hanno dato vita anche a diversi
"spin-offs", ovvero società indipendenti nate da singole
idee creative e lanciate sul mercato con il venture capital. Tra
queste la più recente è www.yoochoose.com, azienda che offre un
nuovo sistema brevettato che genera consigli sui prodotti offerti
nei negozi su Internet.