INNOVAZIONE

Appello delle telco Ue: “Serve contributo delle big tech alla crescita di Internet”

Nella dichiarazione congiunta le associazioni chiedono ai policy maker europei “di promuovere un intervento tempestivo” che impegni Google & co a scendere in campo

18 Lug 2022

F. Me.

italia, europa

Le Big tech contribuiscano alla crescita di internet. È l’appello che arriva dalle associazioni delle telco europee. In una dichiarazione congiunta Aomr, Asstel, Apms, Ati, DigtalES, Etno, Fédération Française des Télécoms e Gsma Europe  ricordano che il Decennio digitale chiede di istituire una cornice volta a garantire un “contributo equo e proporzionato” di tutti gli attori. E in questo senso chiamano in causa Google & co.

“Le nostre associazioni rappresentano le imprese che portano la connettività digitale ultraveloce ai cittadini europei, in tutti gli Stati membri. Siamo orgogliosi dell’ecosistema Internet dell’Unione Europea, della vivace comunità di imprese Ict che lo popolano e dell’impegno che le piccole e grandi imprese di telecomunicazioni impiegano ogni giorno per raggiungere ogni famiglia europea dei 27 Stati membri – si legge nella nota – Ci dedichiamo instancabilmente al raggiungimento degli ambiziosi obiettivi del Decennio Digitale dell’Ue, che comprendono la diffusione di connettività gigabit per tutti e 5G ovunque entro il 2030″.

“Inoltre, le nostre imprese associate stanno lavorando proattivamente agli obiettivi del Green Deal comunitario, che richiedono la piena digitalizzazione per raggiungere il target della neutralità carbonica. Questi obiettivi sono essenziali per far crescere le nostre società, stimolare le nostre economie nazionali e sostenere la doppia transizione verde- digitale- prosegue il documento – Gli operatori di telecomunicazioni europei sono fermamente impegnati a raggiungere tali obiettivi, ma il loro pieno e rapido conseguimento in tutti i 27 Stati membri richiede che la responsabilità sia condivisa collettivamente dall’intero ecosistema digitale”.

In questo contesto le telco europee  sostengono con forza la Dichiarazione esui diritti e i principi digitali per il Decennio digitale, che chiede di istituire una cornice volta a garantire un “contributo equo e proporzionato” di tutti gli attori. E per questo condividono la scelta di aprire un dibattito pubblico lanciato dalla Vicepresidente esecutiva Vestager e dal Commissario Breton nel maggio 2022, per favorire una discussione sul contributo  allo sviluppo delle infrastrutture di rete digitali da parte di tutti i player.

“Le nostre associazioni chiedono ai policy maker europei di promuovere un intervento tempestivo, che impegni le big tech a contribuire in modo equo alla crescita dell’ecosistema Internet dell’Ue, soprattutto in un contesto di continuo aumento del traffico dati. Tutti gli operatori di rete europei che investono in reti gigabit, senza differenze tra alternative o tradizionali, piccole o grandi, dovrebbero poter contare su un contributo equo e proporzionato da parte delle big tech ai costi di rete che generano con il loro traffico”.

“Questa decisione può e deve essere realizzata nel pieno rispetto dei principi europei di apertura della rete internet. Crediamo che sia necessario agire con una scelta vantaggiosa prioritariamente per gli utenti, attraverso l’aggiornamento della rete, che rafforzi l’infrastruttura di Internet e che sia pienamente compatibile con l’accesso illimitato a tutti i contenuti e le applicazioni consentite – concludono le associazioni – Invitiamo pertanto i ministri e i responsabili politici dell’Unione Europea a sostenere e portare avanti il principio del “contributo equo e proporzionato” e riteniamo che sarà determinante per sostenere e far crescere l’ecosistema Internet dell’Ue”.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 3