Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Apple verso il sorpasso di Hp. Nel 2012 best buyer di chip

Il successo di iPad, iPhone e computer Mac fa esplodere la spesa in semiconduttori di Apple. Nel 2011 sarà il secondo maggior compratore mondiale, ma nel 2012 potrebbe conquistare il primato

22 Lug 2010

Il successo dell’iPhone e del nuovo iPad (testimoniato anche
dalla recente brillante trimestrale) fanno impennare la spesa di
Apple in semiconduttori: la società di Steve Jobs diventerà il
secondo maggior compratore mondiale nel 2011 e balzerà forse in
cima alla classifica nel 2012, sorpassando l’attuale numero uno,
Hewlett-Packard.

A dirlo sono gli analisti di iSuppli: secondo le loro stime, la
casa che produce 
i computer Macintosh, gli iPhone e gli iPod
spenderà 16,2 miliardi di dollari in semiconduttori il prossimo
anno, superando nettamente l’attuale numero due Samsung
Electronics, che scenderà al terzo con 13,9 miliardi. ISuppli si
aspetta che Hp resti ancora al primo posto nel 2011, con 17,1
miliardi di dollari di spesa, ma il primato della Hewlett-Packard
potrebbe essere facilmente eroso nel 2012.

La scalata di Apple tra i maggiori compratori mondiali di chip è
dovuto, secondo iSuppli, principalmente al “trionfo dell’iPhone
4” e al nuovo tablet iPad, “che hanno avuto risultati di
vendita-record”. "La leadership nella spesa in
semiconduttori rappresenta una posizione di prestigio", spiega
Min-Sun Moon, senior analyst di iSuppli. ”L’avanzamento tra i
buyer di chip indica che Apple è riuscita con successo a
introdurre nuovi prodotti e ha investito efficacemente in ricerca e
sviluppo”.



La forte espansione della spesa di Apple in microprocessori
continua inarrestabile dal 2009. L’anno scorso (quando molti
produttori hanno registrato una crescita negativa) Apple ha
investito il 13% in più del 2008; quest’anno la spesa della casa
di Cupertino crescerà addirittura del 54% (12,4 miliardi di
dollari) e l’anno prossimo del 30,4%, portando l’azienda,
appunto, al secondo posto nel mondo.

LinkedIn

Twitter

Whatsapp

Facebook

Google+

Link