Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

INDUSTRIA SPAZIALE

Asi, missione in Israele con imprese italiane

Il presidente dell’Agenzia spaziale italiana Enrico Saggese guiderà una delegazione di una trentina di imprenditori in una missione a Tel Aviv programmata a metà marzo. Sul tavolo incontri B2B con aziende hitech israeliane

08 Mar 2013

P.A.

Si chiama “Israel-Italy Industry Workshop on Space Technologies” l’ultimo tassello nel quadro della cooperazione tra i due paesi in ambito spaziale, che porterà per la seconda volta in meno di due mesi Enrico Saggese, numero uno dell’Agenzia Spaziale Italiana (Asi), in Medio Oriente a Tel Aviv.

Questa volta Saggese sarà alla guida di una numerosa delegazione di imprenditori dell’aerospazio italiano: ben 28 le aziende di casa nostra che prenderanno parte al viaggio – tra cui 20 Pmi – per una due giorni – l’11 e il 12 marzo – di incontri B2B, focalizzata sulle tecnologie sviluppate in ambito spaziale (qui la lista delle imprese italiane coinvolte). Tecnologie non solo per uso militare ma anche per significative applicazioni di uso civile. È escluso, assicurano al Corriere delle Comunicazioni fonti vicine alla missione, che il coinvolgimento di Sibat (International Defense Cooperation), Iserd (Israel-Europe R&D Directorate) e Iseg (Israel-European Gnss Information Centre) vada oltre l’atto dovuto e significhi che il workshop si occuperà di applicativi per la Difesa.

L’iniziativa è stata resa possibile dalla collaborazione fra Asi e le organizzazioni imprenditoriali di categoria Aipas, Aiad e Asas, con il supporto, naturalmente, del ministero degli Esteri. Simmetrico l’impegno da parte israeliana, con in prima fila l’Agenzia Spaziale di Gerusalemme (la cui sigla, Isa, è il palindromo di Asi).

Dall’altra parte del tavolo ci saranno ben 30 imprese israeliane: l’obiettivo, per tutti, è stringere accordi di cooperazione e commerciali su progetti di comune interesse e di respiro internazionale.