Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

LA SANZIONE

AT&T, bollette “gonfiate”: 105 milioni di multa

La telco Usa patteggia per chiudere il caso “cramming”. Addebitati agli utenti costi per servizi non richiesti. Sotto accusa anche T-Mobile, che per ora non ha trovato un accordo

09 Ott 2014

A.S.

La causa intentata ad At&T da alcuni utenti che si erano visti addebitare i costi per servizi non richiesti si è chiusa con un patteggiamento, che costerà all’operatore 105 milioni di dollari. Dalle suonerie agli oroscopi, dai consigli sentimentali alle notizie di cronaca rosa, il “cramming“, è il sistema che permette alle aziende di addebitare ai clienti costi nascosti o sovrapprezzi per servizi mai sottoscritti.

Il meccanismo, secondo quanto emerso dalle indagini, era collaudato: società esterne applicavano gli “extra”” alle tariffe ordinarie, mentre At&T riscuoteva una commissione del 35% sull`esborso. La Federal Communications Commission (Fcc), l`agenzia governativa che ha avviato le indagini, parla di 20 milioni di vittime l`anno e commissioni finte che potevano costare fino a 59 dollari al mese.

Un meccanismo che ha funzionato fino a gennaio, quando gli esposti della clientela hanno fatto scattare le indagini delle autorità. AT&T, che è il secondo operatore telefonico negli Stati Uniti, aveva ricevuto nel solo 2011 più di un milione di telefonate di reclamo e richieste di rimborso per costi fantasma commissionati da terzi. La società dovrà pagare 80 milioni di dollari a Fcc per il rimborso dei clienti, 20 milioni di multe agli Stati che hanno partecipato alle indagini e 5 milioni al Tesoro americano.

Qualche mese fa era finita sotto accusa per un caso analogo T-Mobile, sussidiaria della tedesca Deutsche Telekom e quarto operatore degli Stati Uniti. Il mancato accordo per un patteggiamento ha fatto scattare la causa da parte della Federal Trade Commission, l’autorità garante della concorrenza negli Stati Uniti.

Articolo 1 di 5