Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

COMMISSIONE EUROPEA

Banda larga, Italia regina “mobile” ma Cenerentola del fisso

Secondo le rilevazioni della Commissione europea l’utilizzo dell’Hspa si attesta al 14,3% a fronte del 9% di media continentale. Ma è l’unica notizia positiva: langue l’uso della fibra e sul fronte e-commerce ed e-government il ritardo è da record

12 Giu 2013

Federica Meta

L’Italia ha una relativamente bassa adozione di banda larga fissa e di una scarsa disponibilità di Nga. La fotografia è scattata dal Digital Agenda Scoreboard 2013 della Commissione europea, secondo cui la quota di connessioni ad alta velocità (almeno 30 Mbps) è significativamente inferiore alla media Ue a fronte di un uso della banda larga mobile al di sopra della media. In questo contesto – secondo la Ue – l’Italia dovrebbe favorire di più gli investimenti in infrastrutture al fine di aumentare la disponibilità di banda larga ad alta velocità.

BANDA LARGA FISSA E MOBILE. Entrando nel dettaglio, in Italia nel 2012 la banda larga fissa copriva il 98,4% delle case (95,5% nella Ue) mentre le Ngn erano disponibili il 14% delle case solo (53,8% nell’Ue). Nel gennaio del 2013, l’operatore storico ha avuto una quota di mercato ben al di sopra delle media europea (51,4​​% rispetto al 42,3% nell’Ue). La tecnologia più comune è il Dsl che riguarda il 96,3% di tutti gli abbonamenti a banda larga (73,8% nella Ue). A gennaio 2013, il 22,5% della popolazione aveva un abbonamento a banda larga fissa, sotto la media Ue del 28,8% ma a +0,2% dello stesso periodo del 2012. Nello stesso periodo, la quota di connessioni ad alta velocità (almeno 30 Mbps) è stato significativamente inferiore alla media (0,1% rispetto al 14,8% della Ue); marginali collegamenti ultra-veloci ad almeno 100 Mbps. La banda larga mobile Hspa era disponibile per il 96,5% della popolazione nel 2012 (96,3% nella Ue) ma non c’era copertura Lte. Il tasso di utilizzo (abbonamenti in percentuale della popolazione) di banda larga mobile era del 14,3% nel gennaio 2013, ben al di sopra della media del 9% in l’Unione europea.Nel 2012, con il 53% della popolazione che utilizza Internet su base regolare, vale a dire una volta alla settimana, l’Italia è al di sotto della media europea che si attesta al 70%, anche se il tasso è aumentato di 2 punti percentuali. Il 51% dei naviganti italiani accede al web almeno una volta al giorno (la media Ue è del 59%) in aumento rispetto al 49% del 2011.

INTERNET. Il 37% degli italiani non ha mai usato internet in calo dal 39% nel 2011, quasi il doppio della media europea del 22%. Inoltre l’utilizzo di Internet regolare da persone svantaggiate è del 38%, a fronte di media Ue del 54%. L’Italia è indietro anche per quanto riguarda l’utilizzo del mobile Internet: mentre in media il 36% dei cittadini dell’Ue accede a Internet tramite un dispositivo mobile nel 2012, in Italia il tasso è del 16%, una cifra molto lontana dai paesi “leader” (Regno Unito e Svezia, con tassi del 63% e 70% rispettivamente). Di contro, però, le imprese italiane sono in linea con la media europea quando si tratta di fornire ai loro dispositivi portatili per l’accesso a Internet (47% in Italia, il 48% nella Ue).

E-COMMERCE. Nel 2012, solo il 17% degli italiani ha acquistato beni o servizi online negli ultimi 12 mesi, ben al di sotto della media Ue del 45% sostanzialmente stabile dal 2010. L’Italia ha anche tassi relativamente bassi tassi di commercio elettronico transfrontaliero, con solo il 5% della popolazione che ha acquistato online da altri paesi Ue, invariato rispetto allo scorso anno e 5 punti al di sotto della media Ue. Shopping online da venditori nazionali è altrettanto bassa al 13%, inalterata dal 2010 ed è ben al di sotto della media Ue del 41%.

E-GOVERNMENT. Nel 2012 in Italia si rileva la più bassa percentuale di cittadini che hanno fatto uso di servizi di eGovernment (19%), molto al di sotto della media Ue-27 che è del 44%. Di contro però c’è da evidenziare che l’84% delle imprese italiane interagisce online con la PA (87% media Ue).

A livello europeo, Bruxelles rileva che la banda larga di base è presente praticamente ovunque in Europa. Le connessioni via satellite sono migliorate e contribuiscono a collegare il 4,5% della popolazione che non ha accesso alla banda larga di base su rete fissa; il 54% dei cittadini dell’Unione dispongono della banda larga a velocità superiore a 30 Mb/s.

L’accesso a internet è sempre più mobile: il 36% dei cittadini dell’Unione si connette a internet a partire da un computer portatile o da un dispositivo mobile (l’accesso a partire da cellulare è passato dal 7% del 2008 al 27% nel 2012). Nel giro di un solo anno è triplicata la copertura della telefonia mobile di quarta generazione (Lte) che è passata al 26%. Solo il 2% delle famiglie è abbonato alla banda larga ultraveloce (sopra i 100 Mb/s), ben al di sotto dell’obiettivo del 50% entro il 2020.

“Mi rallegro che oggi internet sia disponibile praticamente in tutta l’UE nella sua configurazione di base, ma non possiamo permetterci di restare indietro – commenta il commissario Ue per l’Agenda digitale, Neelie Kroes – Dai dati odierni emerge con chiarezza che il problema principale di quest’anno è stata la mancanza di investimenti nelle reti ultraveloci e che ancora non esiste un vero mercato unico delle telecomunicazioni. Il problema è chiaro e altrettanto chiara sarà la nostra risposta, che presenta un pacchetto di misure per il mercato unico delle telecomunicazioni.”

La percentuale di cittadini dell’Ue che non hanno mai usato internet è ormai in costante calo (è scesa di 2 punti percentuali al 22%); tuttavia circa 100 milioni di cittadini dell’Ue non hanno mai usato internet perché sostengono che costa troppo, che non sono interessati o che non sanno farlo.

•Il 70% della popolazione oggi usa internet regolarmente almeno una volta la settimana, contro il 67% dell’anno scorso; tra le fasce sfavorite della popolazione il 54% usa internet regolarmente (rispetto al 51% dell’anno scorso).

•Nel 2012 i prezzi del roaming sono scesi, almeno di 5 eurocent, soprattutto dopo l’adozione del regolamento sul roaming il 1° luglio 2012.• Il commercio elettronico è in costante crescita, ma non a livello transfrontaliero – il 45% dei cittadini usa internet per comprare beni e servizi (con un leggero incremento rispetto al 43% di un anno fa), ma ben pochi comprano all’estero.

•La maggior parte delle imprese e dei cittadini usa i servizi dell’amministrazione in linea – si tratta dell’87% delle imprese, mentre per i cittadini la percentuale è salita al 44% rispetto all’anno scorso (aumento in entrambi i casi di tre punti percentuali).

•Le spese per la ricerca sono leggermente aumentate nonostante i vincoli di bilancio. Gli investimenti pubblici in R&S nel settore delle Ict sono aumentati dell’1,8%, ossia di 122 milioni di euro, per arrivare a 6,9 miliardi di euro; sono aumentati anche gli investimenti privati nelle Ict, ma una crescita del 2,7% non è bastata a recuperare il calo dello scorso anno.