Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

IL PIANO

Banda ultralarga, in Emilia-Romagna cresce la richiesta di connettività

Realizzate da Lepida 94 tratte in aree di montagna con un utilizzo già consolidato in 23 tratte; in pianura pronte 55 tratte con un utilizzo già in 35. Sul piatto risorse complessive per 11,2 milioni di euro

28 Feb 2019

Ogni giorno aumentano le richieste sulla connettività in Banda Ultra Larga che arrivano a Lepida. Il piano in Emilia-Romagna prevede due azioni: dorsali e accesso. Le dorsali sono realizzate Lepida come estensione della Rete Lepida, l’accesso è in capo a Open Fiber quale concessionario scelto mediante selezione pubblica. La dorsale abilita un territorio o un’area. L’accesso abilita un edificio o la singola unità immobiliare.

Lepida ad oggi ha realizzato 94 tratte in ambito Fesr per 4.3 milioni, con un utilizzo già consolidato in 23 tratte, mentre in ambito Feasr abbiamo 55 tratte per 6.9 milioni, con un utilizzo già consolidato in 35 tratte. Risulta evidente come le tratte Feasr (tipicamente in montagna) risultino più costose delle tratte Fesr (tipicamente in pianura), ma anche come le tratte Feasr abbiano una predisposizione all’utilizzo più immediata.

Un’analisi puntuale di tutte le tratte realizzate è presente per ogni Provincia dell’Emilia-Romagna a questa pagina, indicando anche le realizzazioni già effettuate secondo la LR 14/2014. Sul fronte Open Fiber i cantieri aperti per la realizzazione delle fibre sono stati 66 nel corso del 2018 e il piano che ci hanno recentemente presentato vede un raddoppiamento dei cantieri aperti per il 2019.

Di particolare interesse è il sito nazionale sulla Banda Ultra Larga nel quale si possono trovare informazioni aggiornate sulle azioni in Emilia-Romagna. Il 5 febbraio è stato pubblicato il listino dei servizi C&D che consente quindi agli Operatori di Tlc di avere in modo equo e non discriminatorio le condizioni di utilizzo delle infrastrutture pubbliche gestite dal concessionario.

Questo listino è la condizione di base per poter consentire l’utilizzo delle infrastrutture realizzate per cui è atteso già dai prossimi mesi l’inizio della vendibilità dei servizi. Molto interessante la lettura di questo listino per avere l’idea del costo di alcuni servizi che gli Operatori di Tlc potranno offrire all’utenza finale. Ad esempio i servizi di accesso Fttb e Ftth hanno costi di 11.7 e 10.8 euro mese agli Operatori di Tlc. Si segnala che i servizi P2P Fttb prevedono un canone di accesso gratuito per la PA, come era atteso, e che i servizi Ftth effettuano la terminazione della borchia presso casa dell’utente tramite Open Fiber stesso o qualunque altro Operatore.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Approfondimenti

B
banda ultralarga
L
lepida

Articolo 1 di 4