Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

TELCO PER L'ITALIA 2019

5G, a fare la differenza sarà il mix tecnologie-marketing

In un articolo a firma per Corcom, Ercole Rovida di Intracom Telecom evidenzia l’importanza di una strategia pensata per attrarre più utenti, accrescere l’Arpu e sostenere gli investimenti. E non bisognerà sottovalutare la copertura di rete: il consumatore vuole ottenere quasi immediatamente ciò che paga

19 Giu 2019

Ercole Rovida

Vp Sales Iberia Latam & Italy Wireless Network Systems Business Division di Intracom Telecom

Gli operatori oggigiorno si trovano davanti allo stesso problema che, in diverse modalità ed intensità, li obbliga a investire per modernizzare le loro reti e combattere la continua diminuzione di Arpu. Gli operatori mobili si trovano a dover affrontare questa sfida per l’arrivo del 5G, gli operatori fissi per l’amplio utilizzo della fibra ottica, gli Isp a causa dei servizi più capacity oriented che connectivity oriented. La sfida è quella di fare la scelta giusta nelle tecnologie e piattaforme ed implementare la strategia di marketing più efficace. Quest’ultima combinazione soddisferà l’ultimo obiettivo di attrarre più utenti che pagheranno per servizi premium e garantire lo sviluppo delle infrastrutture.

Il potenziale dirompente della tecnologia 5G nell’era dell’ecosistema

Il 5G permetterà agli ingegneri di dire ” Prima il wireless, poi la fibra ottica” per la prima volta nella storia delle comunicazioni a larga banda. Senza dubbio il 5G è una tecnologia distruttiva per il trend dello sviluppo delle reti in fibra. Il 5G non dovrebbe essere presentato come una nuova rete con velocità superiore, ma come un upgrade del 4G. In verità è qualcosa di a sé stante. È una piattaforma di tecnologie che abiliterà varie applicazioni e permetterà di fare cose che non abbiamo potuto fare sino ad oggi con moderne tecnologie come la fibra ottica. La cosa interessante è che il 5G non sarà necessariamente una tecnologia che troveremo solo negli smartphones. In altre parole il 5G non è solo un upgrade del 4G. Ci saranno molteplici implementazioni che non verranno nemmeno toccate dagli utenti ma nel 5G gli utenti potranno sentirne i risultati positivi. Telemedicina remota, auto a guida autonoma, industry automation. Tutto ciò vuol dire che il 5G non è solo una tecnologia di accesso. C’è la tendenza ad utilizzare il termine Ran ancora nel 5G ma l’innovazione non è solo nella parte di accesso.

Ultrabroadband: il forte ruolo delle aziende di rete e delle torri

L’obiettivo per gli operatori non è più la connettività, ma la capacità. Maggiore è la capacità disponibile, il premio più elevato può essere ottenuto pagando i consumatori (individui e imprese). Quindi il nuovo termine è Ultrabroadband, che corrisponde a reti che hanno forse 10 o anche 100 volte più capacità rispetto a quelle disponibili su reti a banda larga (reti basate su DSL iniziate nel 2000). L’aspetto più interessante delle reti UB è che esistono ovunque, mentre negli anni 2000 la banda larga era solo una caratteristica delle reti fisse. L’uso diffuso del wireless aiuta a consegnare UB ovunque, e per questo … sono necessarie molte torri! Si può solo vedere in giro, dentro le città e fuori in campagna che le torri esistono ovunque, in ogni dimensione, forma e carico. La crescita del 4G, e quindi l’avvento del 5G e il crescente dispiegamento di Fwa sono misurati da un fattore chiave; disponibilità di siti per schierare antenne. I siti di telecomunicazione stanno cambiando posizione e formato. Non sono più sui tetti o sulle alte torri di telecomunicazione. Possono essere sui lampioni, sulle fermate degli autobus, sui balconi, sui muri, sotto i ponti. La più ampia diffusione di reti UB significa che le reti sono espanse in luoghi dove non esistono infrastrutture regolari disponibili o possibili da erigere. Ma significa anche che le reti stanno diventando più dense. Quindi la proprietà dei siti è un fattore chiave. Ad esempio, le società elettriche hanno il vantaggio di possedere siti che collimano con il potere (ovviamente …) e forse la fibra scura non viene terminata. Le vecchie compagnie telefoniche dovranno riconsiderare la vendita di beni come gli edifici utilizzati per gli switch telefonici, semplicemente perché questi siti stanno tornando di moda, per il loro tetto (antenna) e per la loro disponibilità all’elettronica ospite (come gli elementi del 5G nucleo).

Analisi e intelligenza artificiale nella pianificazione e operazioni di rete

Le reti stanno diventando complesse per progettare, costruire, operare, ottimizzare, modernizzare. Questo è il flusso naturale delle cose che accadono dal giorno della prima telefonata di Alexander Graham Bell e la prima trasmissione radio di Guillermo Marconi. L’operatore umano rimane umano nel frattempo. Le reti si evolvono, ma le persone reali che gestiscono le reti moderne possono fare molto di più o meglio, perché sono limitate dalla natura umana dopo tutto. Quindi è qui che vengono prese in considerazione le automazioni e l’intelligenza artificiale. Non sorprende l’ascolto di un amministratore di rete che pensa a quanto sarebbe stato meglio il suo lavoro se la rete stessa potesse prendere un po ‘di peso. Per fare questo hai bisogno di avere due ingredienti; una rete che ha consapevolezza di sé e una logica di gestione (centrale o distribuita o gerarchica) che prende le decisioni. Le automazioni di controllo sulle reti sono un problema che è stato risolto, ci sono tecnologie come Mpls che hanno 20 anni. Ma il problema per l’implementazione di automazioni di gestione su reti è un problema ancora da risolvere. L’intelligenza artificiale e l’apprendimento automatico sono due direzioni per risolvere lo stesso problema. L’IA e l’ML non sono in contraddizione, né divergenti. Stanno convergendo approcci allo stesso problema, e ancora meglio, lo Yin e lo Yang delle automazioni; uno completa l’altro.

Servizi strategici per reti strategiche: il motore per la crescita

I servizi possono essere qualsiasi cosa che qualcuno è disposto a pagare, forse il termine “strategico” non è appropriato. La parola “strategico” nei tempi più antichi, quando 2G e Dsl erano le tecnologie dominanti, era importante perché significava due servizi chiave, la voce e i dati. Ma ora non è questo il caso. Un servizio “strategico” per un operatore A è diverso da quello per l’operatore B, semplicemente perché gli operatori A e B cercano di avere modi per differenziarsi gli uni dagli altri. Quindi tutto ciò che li aiuta a farlo è il loro servizio “strategico”. IoT e M2M erano il servizio strategico per gli operatori di telefonia mobile solo pochi anni fa, ora con 5G tutti parlano di VR/AR e anche il divertimento di tutti i giorni, come i giochi online, viene riconsiderato per diventare “strategico”. E il premio in questo caso non è il throughput (ovviamente un po ‘di Mbps in più aiuta sempre) ma la latenza, il premio da pagare è la velocità con cui i segnali dei sensori sulla tastiera possono essere trasferiti sul server di gioco. Chi poteva immaginare solo 10 anni fa che l’IoT agricolo sarebbe diventato un settore di mercato? Quindi, un servizio viene ridefinito, non è più il vecchio servizio dati, o il dual play o il triple play.

Ci dobbiamo occupare anche di questo: abbiamo usato reti di costruzione per ogni servizio di cui avevamo bisogno. Una Pstn era una rete di servizi di telefonia, una rete Dsl era una rete di servizi di dati, un Gsm era una rete di servizi di telefonia mobile. Ma con 5G e “slicing” possiamo ora fare una rete come un pool di risorse o anche come una grande risorsa da cui possiamo tagliare “slice” per servizio. Possiamo avere tante “fette” come la varietà di servizi. E questo significa che la rete diventa uno, il costo di proprietà diventa inferiore perché l’ammortamento per esso proviene da varie fonti, da ogni “fetta”. Pertanto la rete “unificata” diventa una rete “strategica”.

Ultrabroadband, leva per la competitività

Prendendo come esempio due Isp, in Italia, entrambi offrono fino a ieri servizi con uguale throughput, diciamo 30 Mbps. Quindi la differenza tra i due non è altro che il prezzo, e forse la disponibilità del servizio (che dipende dalla pianificazione della rete e dalla tecnologia, cose che sono trasparenti per il consumatore). Ma oggi uno dei due decide di offrire anche un servizio con throughput a 100 Mbps. Questo sicuramente attirerà l’interesse del consumatore, soprattutto se l’incremento di prezzo per questo nuovo servizio è conveniente. Non solo per il gusto di tutto, ma perché con tale servizio ora puoi goderti lo streaming video, i giochi online e la navigazione web, contemporaneamente e su una singola rete. E poi questo operatore che era intelligente e bol per offrire un servizio a 100 Mbps, ottiene l’Arpu extra necessario per finanziare l’espansione della sua rete, immaginate quale sarà il prossimo passo: entrare nel territorio dell’altro operatore. La competizione non è più in termini di prezzo, non è affatto una competizione, perché tale termine si applica solo tra cose simili e offerte. L’Ultrabroadband è un fattore abilitante per evitare la concorrenza, per aumentare l’Arpu e in definitiva per far crescere il business. Naturalmente, non bisogna dimenticare che un consumatore desidera ottenere quasi immediatamente ciò che paga, quindi un altro fattore chiave per la competitività è la densità della rete, in ultima analisi la copertura del servizio.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 4