Banda ultralarga anche nelle isole minori, sul piatto oltre 60 milioni - CorCom

IL PIANO

Banda ultralarga anche nelle isole minori, sul piatto oltre 60 milioni

Sono 19 le aree, attualmente collegate via radio, che verranno connesse con cavi in fibra ottica sottomarina

23 Dic 2020

Banda ultralarga anche nelle isole minori: anche l’isola di Santo Stefano (Comune di Ventotene) che sarà raggiunta dalla fibra ottica. Lo ha stabilito il Comitato banda ultra larga (Cobul) che ha accolto la proposta avanzata dalla ministra per l’Innovazione tecnologica e la digitalizzazione Paola Pisano, presidente del Cobul.

Il Comitato ha deliberato di inserire nel piano per portare la banda ultralarga nelle “aree bianche” anche l’isola di Stefano, insieme ad altre isole attualmente prive di connessione veloce. Nei giorni scorsi il ministro per i Beni e le Attività culturali e per il Turismo, Dario Franceschini, ha annunciato il progetto di recupero del carcere borbonico sull’isola, simbolo di ideali europei, per realizzare un centro culturale di dialogo e confronto.

L’isola di Santo Stefano rientra quindi nel programma approvato dal Cobul per garantire la connessione ad alta velocità, attraverso cavi sottomarini, nelle isole minori dove oggi la connessione avviene via radio. Gli interventi, il cui costo complessivo ammonta a 60,5 milioni, riguarda specificatamente le seguenti isole: Capraia, Levanzo, Marettimo, Stromboli, Alicudi, Panarea, Filicudi, Salina, Lampedusa, Linosa, Pantelleria, Ustica, Ponza, Ventotene, Santo Stefano, San Pietro, Asinara, San Nicola e San Domino.

Il Comitato ha poi deciso di programmare un’audizione della società Open Fiber, concessionario per la realizzazione della rete a banda ultra larga, per l’illustrazione delle attività che intende porre in essere per superare le criticità nella progettazione e nell’esecuzione dei lavori e per relazionare sugli effetti delle norme di semplificazione adottate ai fini della maggiore celerità dei lavori (ad esempio la ‘microtrincea’).

Per quanto riguarda i voucher per la connettività che interessano le famiglie con Isee (indicatore della situazione economica equivalente) fino a 50.000 euro e le imprese micro, piccole e medie e il piano scuola per portare la fibra in 35.000 edifici, il Cobul ha sottolineato la necessità di accelerare le attività necessarie ad avviare gli interventi quanto prima.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Personaggi

P
Paola Pisano

Aziende

C
cobul

Approfondimenti

B
banda ultralarga
F
fibra ottica