IL PROGETTO

Banda ultralarga, in Italia nasce un Consorzio per accelerare sulle reti

In campo Minsait, AC2 e Hq Engineering: a fattor comune competenze in grado di coprire l’intero ciclo di vita dei progetti, dalla pianificazione ai servizi Ict. Focus anche sul 5G

06 Set 2022

Veronica Balocco

broadband-fibra-banda

Minsait, AC2 e HQ Engineering Italia: sono i partner del neonato Consorzio che contribuirà allo sviluppo della rete ultralarga in Italia. La società di tecnologia di Indra ha infatti unito le forze con le due realtà italiane per sostenere la realizzazione della nuova infrastruttura di rete e l’evoluzione del 5G da essa abilitata.

Copertura dell’intero ciclo di vita dell’infrastruttura

Il Consorzio mette a disposizione una proposta completa e integrata, con capacità di realizzare interventi sulle reti di telecomunicazione sull’intero territorio nazionale. In particolare, l’unione delle capacità di Minsait, AC2 e HQ Engineering Italia costituisce un portfolio di competenze in grado di coprire l’intero ciclo di vita dell’infrastruttura di rete, dalla pianificazione, progettazione, realizzazione, operazione e manutenzione di reti e sistemi Ict al supporto della gestione dei servizi di telecomunicazione.

WHITEPAPER
Punti vendita più efficienti: strumenti, best practice, casi di successo
Fashion
Retail

Minsait presiede il Consorzio con il 60% delle quote, mentre HQ Engineering Italia e AC2 ne detengono ognuna il 20%.

“Il Consorzio consentirà un aumento significativo della capacità produttiva per rispondere alle crescenti esigenze del mercato nei settori della progettazione e della gestione dei progetti in ambito ultrabroadband, fondamentale per raggiungere gli obiettivi di connettività fissati dalla Commissione europea e dalla Strategia italiana per la banda ultralarga”, ha spiegato Erminio Polito, presidente del Consorzio e direttore Telco, media ed energy di Minsait in Italia.

Banda ultralarga per abilitare la rivoluzione 5G

Il Consorzio nasce, infatti, con l’obiettivo di contribuire allo sviluppo dell’infrastruttura di rete ultralarga in Italia, in linea con gli obiettivi fissati dalla Commissione europea entro il 2030. A questo fine, nel 2021 il Governo ha varato la Strategia italiana per la banda ultralarga con l’obiettivo concreto, così come indicato nel Pnrr, di portare la connettività a 1 Gbit/s su tutto il territorio nazionale entro il 2026, in anticipo rispetto agli obiettivi europei. L’infrastruttura di rete ultrabroadband è anche fondamentale per abilitare lo sviluppo delle reti 5G, che saranno l’elemento chiave per la trasformazione digitale di molti settori nel Paese, fornendo un livello più elevato di sicurezza e privacy, oltre a migliori prestazioni, affidabilità e mobilità rispetto ad altre reti.

“Il 5G è un fattore abilitante di tecnologie dirompenti come l’Internet of Things (IoT), l’analisi dei dati in tempo reale, l’intelligenza artificiale (AI) e l’apprendimento automatico. Grazie ad esso, si aprono opportunità senza precedenti nei settori industriali, come la produzione avanzata, la manutenzione preventiva delle infrastrutture o il miglioramento della sicurezza negli impianti grazie all’utilizzo di sensori; il miglioramento e la digitalizzazione dei processi attraverso robot, telecamere e droni; e la realtà aumentata”, conclude Polito.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Personaggi

E
Erminio Polito

Aziende

M
Minsait

Approfondimenti

5
5g
B
banda ultralarga
I
infrastrutture di rete

Articolo 1 di 4